La popolare azienda di strumenti, tool e utility SEO, Moz, ha di recente fatto sapere di aver aggiornato e migliorato il modo in cui vengono misurati i loro parametri, di cui il principale è la famosa domain authority.

Questa è un punteggio dato da Moz che stima quanto potrebbe essere autorevole un determinato dominio sul motore di ricerca Google.

Stando alle informazioni della società, l’aggiornamento, che dovrebbe essere lanciato il 5 marzo, sembra essere destinato a creare una misura più affidabile attraverso una migliore individuazione di link a pagamento e spam.

Domani Authority e Google

È bene sapere che l’autorità di dominio non è considerato come un punteggio di Google, e che il gigante dei motori di ricerca non lo usa certo per determinare la classificazione.

Nel corso degli anni, soprattutto da quando Google non mostra più pubblicamente il PageRank, alcune persone all’interno della comunità SEO hanno usato la DA in sosituzione del PR, anche se i metodi di misura di Moz non hanno alcuna connessione con Google.

Che cos’è l’autorità di dominio? Da Moz esso viene definito come “un punteggio di ranking dei motori di ricerca sviluppato da Moz che è in grado di prevedere quanto un  sito web si classifica sulle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP). Il punteggio può varare da 1 a 100, laddove punteggi più alti corrispondono ad una maggiore capacità di posizionamento.”

Cosa è cambiato con l’aggiornamento della domain authority?

Russ Jones, principale ricercatore presso Moz, ha descritto come l’azienda abbia apportato diversi cambiamenti tecnici nel calcolo.

Possiamo rimuovere lo spam, migliorare le correlazioni e, in particolar modo, siamo in grado di aggiornare l’autorità di dominio stando sempre al passo con tutte le modifiche apportate da Google.”

Cosa Cambia

Stando alle sue parole, ecco alcuni approfondimenti su cosa è cambiato.

  • formazione: per l’autorità di dominio è meglio valutare i siti che non si classificano per nessuna parola chiave rispetto al passato;
  • approfondimento sull’algoritmo: invece di affidarsi a un modello lineare complesso, Moz si è affidato a una rete neurale, e ciò tende ad offrire diversi vantaggi, anche nell’individuazione dei link innaturali;
  • fattori relativi al modello: l’autorità di dominio non si affida solo alla quantità di link, ma anche al punteggio di spam e alle distribuzioni complesse di link in base alla qualità e al traffico, insieme ad altri fattori;
  • indice: Moz ha un indice di 35 mila miliardi link.

Quanto hanno importanza questi aspetti?

Esattamente come è stato accennato poco prima, in molti casi l’autorità di dominio diventa un chiodo fisso – ed in un certo senso anche una distrazione – per gli esperti SEO.

Ho visto troppo spesso persone che si affacciano da poco al mondo SEO concentrati sul punteggio DA di Moz, chiedendo anche ai rappresentanti di Google in che modo poter migliorare questo punteggio per il loro sito web.

È bene però sfatare un mito: in realtà, migliorare un punteggio DA non ha alcuna relazione diretta con il miglioramento del posizionamento in  classifica di Google.

Anche quando era pubblicamente mostrato il PageRank, concentrarsi troppo sui metodi di misura del PageRank di Google spesso era una distrazione per gli esperti SEO, e questo è il motivo principale per cui Google lo ha eliminato dalla vista degli esperti SEO.

È stato quindi chiesto anche alla comunità SEO cosa ne pensa in generale dell’autorità di dominio, e le idee spesso molto confusionarie sono state la prova di quanto esplicitato poco fa.

Per rispondere bene a tutti i dubbi posti dalla comunità SEO, Russ ha anche scritto e pubblicato sul suo blog un post molto dettagliato, che si intitola “in difesa dell’autorità di dominio“.

La Reazione di Google

La reazione di Google è stata la seguente: Google non ha detto molto su questa notizia, mentre John Mueller di Google ha risposto a un tweet di un ex Googler di nome Pedro Dias, cercando di rispondere in maniera divertente ed un po’ sarcastica alla sua domanda.

In linea di massima, stando ai commenti che sono stati fatti nel corso degli anni, Google non è mai apparso un grande fan dell’autorità di dominio ed ha anzi dovuto negare per anni che questo elemento fosse valido per la misurazione.

Ed il fatto stesso che Google abbia rimosso i punteggi PageRank dalla barra degli strumenti dimostra quanto sia prevedibile che gli esperti SEO non si concentrino su alcun punteggio di questo tipo.

Nelle considerazioni finali, emerge anche il fatto che il problema più rilevante in merito all’autorità di dominio è il fatto che manca un’adeguata comprensione da parte delle persone che fanno parte della comunità SEO in merito al punteggio.

Molti credono che il punteggio provenga da Google, ed anche quelli che in realtà sono consapevoli che si tratta di un parametro di Moz, continuano ad utilizzare quel punteggio per acquistare link, cosa assolutamente non ideale per la SEO.

Google ha spesso cercato di tenere lontani i SEO e i webmaster dall’utilizzo dei singoli parametri e spingerli verso la creazione di siti ed esperienze migliori per i visitatori.

Concentrarsi troppo sui parametri riguardanti i link può confondere ed essere una distrazione.

Tuttavia, se si comprende appieno cosa fa il parametro di misura dell’autorità di dominio di Moz, avere a disposizione un altro parametro può essere utile, ma solo se usato in maniera corretta.

4 VIDEO+PDF: Scopri il Mio Metodo di Posizionamento SEO Semplice, Passo Passo e Pratico, per TUTTI i Siti Web


CLICCA QUI E ACCEDI SUBITO AI VIDEO

Contattami ora!

Puoi contattarmi compilando il form qui sotto per avere informazioni sui miei servizi SEO, oppure manda un messaggio WhatsApp al n. 348 09 06 338

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo l'Informativa Privacy

Maria Pia Fracchiolla

About Maria Pia Fracchiolla

Maria Pia Fracchiolla è una web writer. Scrive e parla troppo (in quattro lingue diverse, tra queste il giapponese). Custodisce e sostiene una cura maniacale per le fonti, le migliori possibilmente. Prima di iniziare l’attività professionale di scrittura ha conseguito la maturità classica e studiato inglese, tedesco e spagnolo presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università Aldo Moro di Bari, dove si è laureata. Maria Pia scrive per blog, siti e social. Ama la cultura in genere, soprattutto nelle sue declinazioni artistiche, musicali, letterarie e antropologiche, senza disdegnare il piglio “cool&smart” delle tendenze attuali.