Google ha annunciato un aggiornamento dei rich results per le reviews. I rich results per le recensioni vengono spiegati nella pagina di Google’s Review Snippet Developer.

Ad ogni modo, in soldoni, si può dire che il ruolo di Google è quello di prendere in considerazione i dati strutturati del tuo schema, relativi alle recensioni, e riportarli nei risultati di ricerca sotto forma di stelle.

In altre parole, le stelle riportate sulle recensioni, all’interno dei risultati di ricerca (le SERP), non sono altro che una “traslazione” eseguita da Google dei tuoi dati strutturati.

La pagina del rich snippets developer afferma che gli snippet per la recensione oggi possono apparire all’interno dei rich results e nei Google Knowledge Panels.

Ma prendiamo in considerazione le linee guida relative ai rich results e al modo in cui queste impongono loro il modo in cui devono comparire.

I Limiti Imposti alle Recensioni per i  Rich Results

Google ha annunciato che la visualizzazione delle recensioni per i rich results prevederà delle limitazioni. Ciò significa che tutte le recensioni che non rispetteranno le condizioni di Google non verranno mostrate negli snippet.

Le Self-Serving Reviews Non Sono Consentite

Le recensioni self-serving non sono altro che recensioni di cui il proprietario del sito ha il controllo. Google da ora in poi, però, non le mostrerà più negli snippet in primo piano.

Come ha giustificato Google questa scelta? In pratica si ha una recensione self-service quando un sito inserisce per l’appunto una recensione relativa a una sua pagina, direttamente nel markup o tramite un widget incorporato proveniente da terzi.

Queste recensioni sono modificabile e controllabili, e quindi non attendibili e non meritevoli di comparire in SERP.

La Proprietà “Name” E’ Richiesta

Probabilmente la modifica più significativa relativa alle recensioni per i rich results è il requisito obbligatorio della proprietà “name”.

I publisher che fanno affidamento sul plugin dei dati strutturati con schema, inclusi i plugin di WordPress per le recensioni, adesso devono verificare che il loro plugin includa la proprietà “name”.

Se la proprietà “name” non fa parte del tuo plugin, allora provvedi subito ad aggiornarlo. Poiché, ricorda, la proprietà “name” è necessario che sia inclusa nel tuo plugin.

Che Succede ai Rich Results se Manca la Proprietà “Name”? Scompaiono?

Google non si è ancora espresso in merito. In effetti non si sa cosa ne sarà dei rich results se all’interno dei dati strutturati manca la proprietà “name”.

Non si sa quindi se questo comporterà la perdita dei rich results dalle recensioni. Google si è limitato soltanto a dire che questa proprietà è richiesta.

Si tratta certamente di un aggiornamento importante per gli editori che utilizzano i dati strutturati delle recensioni. Assicurati quindi che i tuoi dati strutturati siano aggiornati correttamente per continuare ad apparire nei risultati in maniera corretta.

4 VIDEO+PDF: Scopri il Mio Metodo di Posizionamento SEO su Google Semplice, Passo Passo e Pratico, per TUTTI i Siti Web


CLICCA QUI E ACCEDI SUBITO AI VIDEO

Contattami ora!

Puoi contattarmi compilando il form qui sotto per avere informazioni sui miei servizi SEO, oppure manda un messaggio WhatsApp al n. 348 09 06 338

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo l'Informativa Privacy

Simona Mastromarino

About Simona Mastromarino

Sono una webwriter freelance laureata in comunicazione e specializzata in Luxury Hotel Management. Dall’animo un pizzico wild, ho da sempre una passione non troppo segreta per la scrittura artistica e per la cultura giapponese.