Google Consiglia di Non Imbottire di Contenuti il Fondo delle Pagine degli E-Commerce

Google Consiglia di Non Imbottire di Contenuti il Fondo delle Pagine degli E-Commerce

Inserire molto contenuto testuale nel fondo delle pagine prodotto degli e-commerce è un modo semplice per inserire testo indicizzabile e che magari porta anche a buoni posizionamenti, senza distrarre il visitatore dalla visione dei prodotti.

John Mueller ha suggerito di trovare altri modi, magari che siano più di valore per i visitatori, per inserire contenuto e testo, invece di inserirlo in massa in fondo alle pagine prodotto.

Costringere il visitatore a scorrere in basso nella pagina per trovare contenuti e informazioni non è valido a livello di UX, ed è per questo poco raccomandato.

Il testo dovrebbe integrarsi man mano che l’utente scorre la pagina, legarsi con i prodotti e approfondirne caratteristiche e specifiche.

Anche Glenn Gabe, in un suo tweet, ha suggerito, invece di inserire testo tutto in basso solo per posizionarsi su Google, di integrare bene i contenuti in questione, facendo attenzione che il testo sia di valore, coerente con i prodotti in vendita, che arricchisca davvero il contesto.

Rendere di alta qualità testo e contesto delle pagine, invece, è certamente un obiettivo migliore, e fa comprendere a Google per quali parole chiave e argomenti una determinata pagina dovrebbe posizionarsi.

Un’altra pratica di valore, sempre secondo John, è quella di arricchire le liste dei prodotti con informazioni chiare e dettagliate, che possano far capire al motore di ricerca quali prodotti e argomenti trattino le varie pagine del sito.

La pratica che è stata denigrata da Google è nata pechè, a detta di John Mueller stesso, Google aveva talvolta difficoltà a posizionare pagine categoria degli e-commerce, in quanto non presentavano un contenuto scritto importante e informazioni utili, a parte la semplice lista di prodotti.

Per questo i SEO hanno iniziato a inserire tanto testo in fondo alle pagine, per migliorare il posizionamento degli e-commerce, ma questo viene fatto a volte senza migliorare la UX e rendere il sito i qualità, nè per Google nè per i visitatori.

Google, tramite il suo portavoce, sottolinea come un contenuto di qualità dovrebbe avere una posizione più rilevante nella pagina, e se scritto bene non peggiorerà il tasso di conversione dell’e-commerce.

Alt tag e didascalie delle immagini aiutano anche a migliorare il contesto della pagina e a posizionare le immagini stesse su Google Images, opportunità da non sottovalutare.

4 VIDEO+PDF: Scopri il Mio Metodo di Posizionamento SEO Semplice, Passo Passo e Pratico, per TUTTI i Siti Web

CLICCA QUI E ACCEDI SUBITO AI VIDEO

filippo.jatta@hotmail.it

<p>Filippo Jatta è consulente SEO per liberi professionisti e imprenditori. Dottore magistrale in Organizzazione e Sistemi Informativi presso l’Università Luigi Bocconi di Milano, dal 2008 è SEO specialist. Aumenta traffico e visibilità online di blog, e-commerce e portali, posizionando siti web su Google. Offre servizi di posizionamento sui motori di ricerca e corsi SEO, sia base che avanzati.</p>