Durante il nuovo Hangout per i webmaster di Google qualcuno ha chiesto quale fosse il ruolo del titolo H1 all’interno di una pagina web.

John Mueller ha risposto che gli H1  sono utili per tanti motivi, ma allo stesso tempo non svolgono un ruolo cruciale.

Titoli SEO e H1

Per tanto tempo una delle regole principali per effettuare l’ottimizzazione dei motori di ricerca è stata quella di aggiungere le keywords all’intestazione H1 nella parte superiore della pagina.

Risultavano utili sia per mostrare agli utenti di cosa trattava una pagina sia per posizionarla bene nella SERP.

All’inizio degli anni 2000 aggiungere il target keyword phrase all’interno dell’ H1 era assolutamente un must. A quei tempi se non c’erano keywords nell’intestazione dell’H1, il tuo sito non era competitivo.

Ma, come si suol dire, quelli erano altri tempi e di strada Google ne ha fatta parecchia. La sua capacità di comprendere ogni sfumatura relativa agli argomenti di cui trattano le pagine si è evoluta parecchio col passare degli anni.

Dunque è cosa buona e giusta ascoltare attentamente ciò che ha da dire John Mueller di Google in merito ai titoli H1.

È Possibile Utilizzare Più H1?

In parola povere, la domanda di cui sopra vuol sapere se un editore è limitato all’uso di un H1 o se è possibile utilizzare più tag di intestazione H1.

John Mueller ha risposto che si possono utilizzare tutti gli H1 che si desiderano. Inoltre ha aggiunto che si può anche omettere di usare il tag di intestazione H1.

Ha comunque ribadito che gli editori sono liberi di scegliere come utilizzare il tag di intestazione H1:

“Il tuo sito si posizionerà benissimo sia senza tag H1 sia con cinque tag H1”.

Le Intestazioni H1 Sono Utili Per la Struttura Della Pagina

John Mueller ha confermato che i titoli H1 sono utili per delineare la struttura di una pagina.

Ciò che intendeva dire è che gli elementi di intestazione vanno integrarsi assieme per creare una struttura di livello superiore capace di esprimere perfettamente ciò di cui tratta una pagina web. Mettiamola così, è una sorta di macro panoramica della tua pagina web, che ben descrive ciò di cui si occupa.

In parole povere: è utile adottare un’adeguata strategia per gli H1 e per i titoli SEO.

Il W3C, ovvero l’organismo ufficiale che amministra le linee guida HTML, offre un HTML Validator. Questo strumento ti mostra lo “schema” di una pagina web.

Quando si convalida una pagina web, bisogna selezionare il pulsante “Show Outline” che ti permette di visualizzare la pagina dal suo “contorno”, caratterizzato per l’appunto dagli elementi dell’intestazione.

Intestazioni H1 e SEO

John Mueller ha continuato a ribadire che non ci si deve preoccupare della mancanza di titoli o al contrario dell’uso di molti H1. Google non ha certo bisogno di queste cose per posizionare una pagina.

Questo assunto dovrebbe essere ovvio per chiunque lavori nel marketing digitale. I risultati di ricerca di Google sono stracolmi di pagine web senza titoli H1 e di pagine che invece li usano per scopi stilistici (talora con un uso improprio del title tag!).

Alcuni studi affermano che la XX percentuale dei siti più gettonati fa uso di titoli. Tuttavia c’è da dire che quegli stessi studi non sanno che le moderne pagine web, in particolare quelle che usano i modelli WordPress, ricorrono abitualmente alle intestazioni per conferire un certo stile agli elementi di navigazione. Insomma, alle volte tutto sembra essere il contrario di tutto, se non è contestualizzato.

Le Intestazioni H1 Sono Utili ai Fini Dell’Usabilità

Mueller si è rivelato molto preparato quando si è iniziato a parlare di tag di intestazione e di usabilità.

In particolare per i dispositivi mobili, i tag di intestazione facilitano moltissimo la lettura di una pagina web. I titoli correttamente pianificati aiutano infatti a comunicare ciò che una pagina web vuol dire a un utente, inoltre, visivamente, aiuta a “sezionare” quelle pagine dal testo particolarmente scoraggiante, facilitandone così la lettura.

In Sintesi:

  1. Usa tutti gli elementi di intestazione H1 che desideri
    2. Essi sono utili per comunicare la struttura della pagina sia agli utenti che a Google
    3. Gli elementi di intestazione sono utili in termini di usabilità

E’ utile propendere per un uso corretto di tutti gli elementi di intestazione da almeno un titolo H1 fino ai sottotitoli H4. Inserire gli argomenti secondari di un articolo usando gli H2, gli H3 e talvolta anche gli H4 può rivelarsi molto utile perchè chiariscono ancor di più l’argomento di una pagina.

I vantaggi dell’uso corretto dall’ H1 agli H4 (sta a te scegliere!) sono tanti. Come suddetto aiuteranno la tua pagina a comunicare agli utenti di cosa tratta e non solo! Infatti ne aumenteranno anche l’ usabilità perché essa risulterà di più facile consultazione sui dispositivi mobile.

In che modo si può mettere in pratica tutto ciò? Semplicemente, usa il titolo H1 per comunicare l’argomento principale della pagina, a seguire per ogni argomento secondario opta per un elemento di intestazione H2.

Una keyword con i tag di intestazione può esprimere irrilevanza del contenuto. Smetti di pensare ai tag di intestazione come luoghi in cui inserire le tue keywords ed inizia a vederli come delle vere e proprie intestazioni utili per comunicare agli utenti di cosa tratta quella determinata sezione della tua pagina. Così facendo comincerai a mostrare sul serio in che cosa consiste. In fin dei conti, se non ti piace quello che vedi, puoi sempre riscriverlo.

Per dissipare ogni dubbio puoi servirti dell’HTML V3C Validator. Ti aiuterà ad avere un’anteprima della struttura della tua pagina.

4 VIDEO+PDF: Scopri il Mio Metodo di Posizionamento SEO su Google Semplice, Passo Passo e Pratico, per TUTTI i Siti Web


CLICCA QUI E ACCEDI SUBITO AI VIDEO

Contattami ora!

Puoi contattarmi compilando il form qui sotto per avere informazioni sui miei servizi SEO, oppure manda un messaggio WhatsApp al n. 348 09 06 338

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo l'Informativa Privacy

Filippo Jatta

About Filippo Jatta

Filippo Jatta è consulente SEO per liberi professionisti e imprenditori. Dottore magistrale in Organizzazione e Sistemi Informativi presso l'Università Luigi Bocconi di Milano, dal 2008 è SEO specialist. Aumenta traffico e visibilità online di blog, e-commerce e portali, posizionando siti web su Google. Offre servizi di posizionamento sui motori di ricerca e corsi SEO, sia base che avanzati.