I link nofollow sono dei link con un attributo che indica al crawler dei motori di ricerca di non seguirlo. Pertanto, è un tag utilizzato quando non si vuol passare link juice e non si vuole far indicizzare una determinata risorsa.

Google sta invitando sempre più spesso ad utilizzare il comando ” rel nofollow” per i link in uscita. Parlo di questo argomento nel mio corso SEO online, ma ho deciso di approfondirlo anche qui sul blog.

Nella prima parte della guida SEO c’è un riassunto della situazione, mentre nella seconda parte le mie considerazioni personali su come questo influisce il lavoro di posizionamento dei siti web su Google. buona lettura! 🙂

Per quanto riguarda il posizionamento su Google, il motore di ricerca considera ogni link proveniente da un sito web A e diretto a un sito web B come un voto.

A parità di altre condizioni (struttura, velocità, contenuto, ottimizzazione, ecc) un sito con più link di qualità (quindi più voti) ottiene maggiore visibilità sulla rete.

Google ha però deciso di dare la possibilità di usare il tag “nofollow” per i link cui non si vuole attribuire un voto. In tal modo il link c’è, esiste, ma non viene considerato un voto, un fattore di merito, e non contribuisce quindi direttamente al posizionamento organico.
Ho creato 4 video gratuiti in cui ti spiego il mio esatto metodo per migliorare il posizionamento SEO su Google dei siti web, per permetterti di ottenere i miei stessi risultati.

Scaricali gratuitamente cliccando sul pulsante sotto il video, e inizia questo percorso con me. Altrimenti, continua la lettura dell’articolo più in basso.

4 VIDEO+PDF: Scopri il Mio Metodo di Posizionamento su Google Semplice, Passo Passo e Pratico, per TUTTI i Siti Web


CLICCA QUI E ACCEDI AI VIDEO GRATIS

 

Cos'è il Link con Rel Nofollow: Definizione

Questa funzione è molto utile per i backlink generati dai visitatori, e non dai proprietari dei siti. Basti pensare ai link nei commenti dei blog, o a quelli nei forum. Rendendo tali link nofollow di default si evita che troppi spammer sporchino il web solo per ottenerli (anche se la pratica continua tuttora).

Un'altra ottima applicazione è questa: supponiamo che io stia facendo una recensione negativa su un servizio offerto da un altro sito. Linkando al loro sito io gli passerei link juice, cioè gli darei un voto positivo. Posso invece in tal caso linkare al sito esterno con questo tag, in maniera tale da porre sì un backlink, ma senza passare alcun tipo di vantaggio a livello di posizionamento.
Mi presento: sono Filippo Jatta, sono consulente SEO dal 2007.

Mi sono laureato e specializzato nel 2007 in Economia, Organizzazione e Sistemi Informativi presso l’Università Bocconi di Milano.

Per contattarmi usa il form in fondo alla pagina o scrivimi su whatsApp al numero 348 09 06 338.

Dove Andrebbe Inserito il Tag

Ecco i tipi di link che dovrebbero essere taggati come nofollow.

Widget e Infografiche

12 agosto 2013, il simpatico Matt Cutts ci avvisa: "non userei le infografiche e le sidebar per la link building. Nel caso dell'infografica il motivo è che non sempre è chiara la presenza di un link all'interno della stessa, è quindi meglio utilizzare il tag".

Guest Post

20 gennaio 2014, sempre Matt avvisa: "se fai guest posting per ottenere citazioni, è meglio che tu smetta [...] Non mi affiderei alla guest  posting come tecnica per ottenerle"

Matt si riferisce ai guest post di bassa qualità, certo. Ma i toni allarmistici causano timori nei link builder meno esperti.

Ma ci pensa Mueller a rincarare la dose e avvertire (traduco dall'inglese): "Bisogna pensare: il link sarebbe su quel sito senza il tuo intervento? Nel guest blogging andiamo a inserirlo su siti di altre persone [...] Penso che a volte abbia senso fare un guest post su un sito di altra gente e ottenere un po' di traffico perchè la gente apprezza l'articolo e arriva sul nostro sito, ma sarebbe meglio che tu inserisca il tag in questione a tali link"

Qui si può trovare il video in cui Mueller esprime tale concetto. Concetto che mi sembra davvero molto forzato, e che non condivido.

In base a quello che ci viene suggerito, anche nel caso in cui un articolo che scriviamo è di qualità, tanto da interessare i lettori e portare traffico, dovremmo comunque inserire il tag, rendendo quindi il link inutile dal punto di vista SEO.

E allora via a periodi di timore e paura, in cui molti blogger iniziano a rifiutarsi di inserirli, nei guest post, senza il tag.

Talvolta sono ospite su blog di colleghi, e mi prodigo nell'offrire dei contenuti all'altezza, di qualità, che possano davvero portare un vantaggio al blogger che mi ospita. Devo dire però che, nella maggior parte di casi, i blog sui quali sono ospite non hanno un traffico enorme. Pertanto io scrivo articoli di valore al fine di inserire un backlink verso il mio. Sto creando materiale di valore nel web.

Ma, se non potessi ottenere in cambio il backlink, pubblicherei gli stessi articoli sul mio sito, invece che su altri. Dovrei quindi inserirvi il tag? Mi sembra, francamente, ridicolo.

Commenti e Forum

Ricordiamo che i link nei commenti e quelli nei forum sono quasi sempre nofollow di default, cosa gradita a Google e a mio avviso anche giusta, come detto precedentemente, per scoraggiare un po' gli spammer.

Footer

Andiamo a parlare di un altro link spesso discusso: quello presente nel footer di un sito. Questi sono spesso inseriti dai creatori dei siti web: sono una sorta di firma che il programmatore lascia in ogni sito web da lui creato.

E secondo Google questi possono essere follow o no?

Ma che domande, chiaramente no. Il buon Mueller puntualizza la questione, stavolta senza mezzi termini: "è buona pratica inserire il tag".

In questo caso, contrariamente ai guest post, la cosa ci può anche stare: si tratta di link posizionati in un punto molto defilato di un sito, decontestualizzati, e inseriti spesso su siti non a tema.

Recensioni

Ma torniamo a un caso più recente e spinoso: talvolta aziende e startup decidono, per promuoversi e far parlare di sè, di distribuire a blogger e portali online un campione gratuito dei propri prodotti. La finalità è quella di ottenere visibilità su tali blog e portali, che in genere ricambiano con una recensione del prodotto in questione.

Si tratta a mio avviso di un metodo abbastanza pulito di fare marketing e link building: non si tratta del mero acquisto di backlink da PBN di più o meno scarsa qualità, ma di una sana operazione di marketing.

Ma per Google non è così: se io offro un prodotto in cambio di una recensione sto di fatto pagando il backlink, andando contro le sue regole. Deve quindi contenere il tag.

In pratica Google sta chiedendo di indicare di non seguire tipologie sempre più estese.

Qual è la Conseguenza di Queste Linee Guida?

La verità è molto semplice: Google non può davvero sapere quando un backlink è spontaneo e quando no. Può dedurlo solo da fattori indiretti (schemi di link, analisi dei siti web, eccetera), ed è anche abbastanza bravo nel farlo.

Dato che l'algoritmo non può sapere direttamente se è spontaneo o meno, Google si rivolge ai blogger e ai webmaster, chiedendo loro di utilizzare il tag facendo terrorismo psicologico. E' una mossa figlia del fatto che l'algoritmo di Google non ha ancora capacità di valutazione sufficienti.

Quando Google scorge un qualunque rapporto tra il sito linkante e quello linkato, richiede il tag, che è un tipo di link che non serve al posizionamento.

Sei il creatore del sito? Metti il tag nel link nel footer.

Hai scritto un guest post su un altro blog? Inserisci il tag perchè il backlink, senza la tua opera, non sarebbe esistito.

Tu blogger, hai recensito un prodotto che ti è stato inviato gratuitamente? Usa il tag, perchè sei stato in qualche modo pagato per la recensione.

Tutto questo mi porta a pensare che esistono solo 2 tipi di link sicuri per posizionare un sito web.

Il primo tipo è quello totalmente spontaneo. Creo contenuti di valore e attendo che altri portali e siti web mettano dei backlink al mio sito. Oppure contatto altri webmaster mostrando i contenuti di valore presenti sul mio sito e richiedoli, senza nulla in cambio.

Il secondo tipo è quello puramente a pagamento, cioè paradossalmente proprio quello più odiato in assoluto da Google.

Prima avresti potuto contattare il blogger di turno e dirgli: "ti spedisco un mio prodotto in omaggio, in cambio di una recensione". E il blogger avrebbe magari acconsentito. Google però ha scoraggiato anche tale pratica, e le recensioni che sono scritte in cambio di prodotti gratuiti devono prevedere il tag.

Ora invece è semplicemente più prudente chiedere al blogger la recensione con link, in cambio di denaro o di un prodotto omaggio, chiedendo però che la recensione non dica esplicitamente che è stato fornito un prodotto in omaggio. In questo modo Google non ha nessuna possibilità di distinguere un backlink naturale da uno non naturale.

Nel blog ci sarà scritto "ciao lettori, oggi ho trovato e provato questo prodotto, tutto molto bello, mi sono trovato bene, trovate le informazioni su questo sito". Google non potrà sapere che tale recensione è stata concordata in cambio di un prodotto o di denaro.

Quello che voglio dire è che Google sta cercando, con tutti questi avvertimenti, di porre fine in maniera grossolana, imprecisa e raggirabile alla link building, puntando solo sull'incutere timore tra webmaster e blogger, affermando che i link sono pericolosi, anche se d'altra parte afferma che i link sono importanti.

In parte ci sta anche riuscendo, dato che ora molte agenzie ed esperti SEO hanno paura nello svolgere attività di link building. E questo ha ridotto la concorrenza, lasciando campo aperto a chi sa come portarla avanti.

Quindi grazie Google, continua pure così.

Link Nofollow Checker per Chrome

Se cerchi un checker su Chrome, puoi usare Automatic Link Checker.

Si tratta di un'estensione che esamina i collegamenti ipertestuali alla ricerca di link dofollow e non, e link rotti.

Conta anche quelli trovati, in modo tale da offrirti una panoramica rapida, ed evidenzia i risultati direttamente nel corpo della pagina web.

Link Checker Plugin per WordPress

Se vuoi un plugin per WordPress che ti aiuti a gestire i link, puoi usare Ultimate Nofollow.

Con questo plugin puoi comodamente applicare il tag che desideri, in un solo click.

Codice per il Nofollow

Se, invece, vuoi inserire manualmente il tag, procedi come segue.

Normalmente un link, in HTML, è scritto in questo modo (escluse le virgolette iniziali e finali):

"<a href="https://jfactor.it/" >link follow verso JFactor</a>"

Per rendere il link di questo tipo, basta aggiungervi il codice in questo modo:

"<a href="https://jfactor.it/" rel="nofollow">link nofollow verso JFactor</a>"

Cosa Dicono di Me?

Ecco qualcuno dei miei progetti e i risultati ottenuti.

Professionista serio ed onesto, preciso nel suo lavoro e determinato a superare gli obbiettivi preposti..svolto un lavoro di SEO solido e ben studiato per il posizionamento del sito della mia azienda arrivato a raggiungere nei tempi prefissati le prime posizioni.

Luca ArmeniseProprietario Autolavaggio Armenise di Bari

Il mio sito web non riceveva traffico, e non portava alcun nuovo cliente. Ho scelto di affidarmi a Filippo e, grazie a lui e alla sua esperienza come specialista SEO ho ottenuto risultati importanti in pochi mesi, raggiungendo la prima pagina su Google, nuovi contatti e nuovi clienti.

Alessandro VaccaDentistabari.org, Odontoiatra

Professionale e disponibile, con totale disponibilità nei miei confronti. Punta ad avere risultati il prima possibile, così che l’investimento fatto venga subito ripagato. Gli obbiettivi prefissati sono stati raggiunti entro pochi mesi, con totale soddisfazione.

Fulvio TonelliniE-commerce Cover Iphone

Tre cose ci hanno colpito di Filippoi: l'onestà, la preparazione e la precisione. Possiamo affermare che Filippo è veramente PREPARATO. Il suo lavoro è certosino e attentamente studiato. Motiva e spiega tutto. Risponde alle email ed è preciso nei report e nei tempi.

Alessandra VirgiliWellvitOnline.com, Responsabile Redazione

Sono felice di collaborare con Filippo. Filippo è molto preparato e appassionato del suo lavoro che svolge con precisione e serietà. Abbiamo raggiunto i risultati in poco tempo. Lo ringrazio per la disponibilità, pazienza e competenza.

Domenico DrovettiMetodoVegalcalino.com, Esperto di Nutrizione

Ritengo soddisfacente il rapporto lavorativo e umano. Al momento gli obiettivi concordati sono raggiunti o pressoché prossimi. Sei anche scrupoloso e rompicazzo come me nel mio lavoro; sono sinceramente felice di questa nostra collaborazione.

Enrico MeleInAttraction.com, Coach di Seduzione

We are very happy with Filippo's work, he is very professional. Thanks to his seo work, he have been able to improve our ranking from not appearing in the 8 first pages of Google to the 3rd position in several keywords

IsmaelSpeaking at home, Corsi di inglese

Grazie Filippo! Per la grande visibilità che mi ha garantito. Fa quanto dice, mi ha fatto risparmiare tempo e frustrazione, e i miei guadagni sono aumentati... di molto! Oltre ad essere un professionista è una brava persona e questo... non ha prezzo!

Agostini RiccardoAgostiniRiccardo.com, Public Speaking Coach

Filippo si è mostrato da subito disponibile a fornire spiegazioni esaustive e dettagliate circa il suo intervento ed i risultati ottenuti. Questo denota serietà e desiderio di trasparenza; qualità che personalmente reputo essenziali.

Giulio BorlaStudioLeVele.net, Psicologo Psicoterapeuta

Filippo, ottima persona piacevole e disponibile, ha portato ottimi risultati e adesso la collaborazione continua ormai da più di un anno e continuerà sempre.
Per noi Filippo è il miglior SEO che abbiamo trovato! Grazie.

Riccardo NavarraSanteNaturels.it, proprietario e-commerce

Ringrazio sinceramente Filippo Jatta perchè da quando ci siamo affidati a lui il nostro sito è ben indicizzato ed è molto visibile. Di conseguenza le vendite sono aumentate... Un genio

Maria MarraSindyBomboniere.it, Proprietaria E-Commerce

Contattami ora!

Puoi contattarmi compilando il form qui sotto per avere informazioni sui miei servizi SEO, oppure manda un messaggio WhatsApp al n. 348 09 06 338

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo l'Informativa Privacy

Filippo Jatta

About Filippo Jatta

Filippo Jatta è consulente SEO per liberi professionisti e imprenditori. Dottore magistrale in Organizzazione e Sistemi Informativi presso l'Università Luigi Bocconi di Milano, dal 2008 è SEO specialist. Aumenta traffico e visibilità online di blog, e-commerce e portali, posizionando siti web su Google. Offre servizi di posizionamento sui motori di ricerca e corsi SEO, sia base che avanzati.