Posizionamento Siti Web su Google - SEO Filippo Jatta - Part 2

velocizzare sito wordpress lento

La Guida Completa per Velocizzare al Massimo il tuo Sito WordPress

In questo articolo ti spiegherò come velocizzare WordPress, per renderlo superveloce, con una guida completa passo-passo completa di case study.

Sto infatti per mostrarti i risultati che ho ottenuto su questo blog eseguendo proprio le istruzioni che sto per darti.

Migliorare un sito WordPress lentissimo sarà semplice con questa guida.

Come spiego nelle mie lezioni sul posizionamento su Google, Google conosce bene le performance di velocità dei siti, ed è pertanto opportuno tenere questo fattore in considerazione, soprattutto se il tuo è sito lento.

Velocizzare un sito web WordPress (anche Woocommerce) porta a un piccolo miglioramento del ranking e dele posizionamento, in quanto è un fattore di ranking per Google.

Pertanto, come spiegato anche nel mio corso SEO online, oltre alla classica ottimizzazione SEO on page e alla creazione di link,  è necessario ottimizzare il sito web rendendolo quanto più veloce possibile.

Velocizzare un sito WordPress è un passaggio che implemento per ogni progetto al quale collaboro. Oggi voglio quindi proporti un case study che ha come oggetto di studio JFactor.it stesso: ti mostro come aumentare la velocità di un sito passo dopo passo.

Il blog che stai leggendo utilizza il CMS WordPress, di gran lunga il più diffuso e utilizzato della rete.

Abbiamo preparato un dettagliato corso wordpress, e in questa guida ti mostra tutti i passi da seguire per aumentare al massimo la velocità del tuo sito wordpress.

Oggi ti parlo di uno dei metodi più comuni di guadagno online: l’affiliazione, una risorsa sempre più apprezzata per monetizzare un blog.

Iniziamo col chiarire un concetto base:

Qui spiego come guadagnare con il metodo dell’affiliazione di Amazon, ma gli stessi concetti vanno benissimo per l’affiliazione in generale.

Cosa sono i programmi di affiliazione

tavola periodica seo

La Tavola Periodica 2015

Search Engine Land ha pubblicato la tavola periodica dei fattori SEO 2015.

Si tratta di un tentativo (piuttosto riuscito e apprezzabile) di sintetizzare i principali elementi che permettono di posizionarsi bene su Google. Trovi qui sopra la tavola (per scaricarne il pdf clicca qui).

In questo articolo voglio mostrarti come leggere la tavola, e dare una panoramica sui principali fattori che Google usa per posizionare i siti web.

Come Leggere la Tavola

Ecco come leggere la tavola, più una breve disamina degli elementi costituenti.

Innanzitutto la tavola è divisa in due parti, “On the page Seo” (riguardante quindi gli elementi propri del sito web) e “Off the page Seo” (riguardante gli elementi esterni al sito)

Gli elementi, ovvero i fattori SEO, sono inoltre suddivisi in 7 categorie, 3 delle quali relative all’On Page e 4 all’Off Page.

Perchè Alcuni Link Non Ci Aiutano con la SEO su Google?

Oggi prendo spunto da un articolo di Moz.com. L’argomento è la link building, una delle tematiche mie preferite, oltre che una delle più apprezzate nella guida al posizionamento Google 🙂

I link come sappiamo sono uno dei fattori di ranking più determinanti per la SEO, secondi per importanza solo all’ottimizzazione OnPage.

E’ quindi importante fare una link building di qualità, che portino al nostro blog una maggiore visibilità. I fattori da considerare come già visto qui sono numerosi, e oggi voglio soffermarmi sui fattori che potrebbero renderli poco efficaci.

Vediamo quindi perchè alcuni link potrebbero non aiutare il nostro sito a posizionarsi su Google, e impariamo come valutare i link migliori, dato che sono molto importanti nella SEO.

Mobile Friendly Update

Negli ultimi anni la quantità di traffico che i siti ricevono da smartphone e tablet sta aumentando a vista d’occhio.

Per questo ogni buon webmaster che si rispetti deve avere un occhio di riguardo alla resa mobile del proprio blog. Ora anche Google ci ricorda questo aspetto: negli USA infatti è già diventata realtà l’etichetta per siti “mobile friendly”.

Questa è attiva quando effettuiamo una ricerca dal nostro cellulare, e mostra chiaramente all’utente quali dei siti web presenti nelle pagine di ricerca sono ottimizzati per dispositivi portatili, in maniera tale da offrire una migliore user experience.

Sono Filippo Jatta
. Sono un SEO Specialist presso