Durante un hangout tra webmaster è balzata fuori una domanda interessante: possono le pagine di scarsa qualità trascinare giù il posizionamento di un intero sito web?

John Mueller ha risposto egregiamente offrendo importanti spunti di riflessione in merito al giudizio ed al posizionamento di pagine web e siti all’interno del più grande motore di ricerca attuale.

Le Pagine di Bassa Qualità Fanno Penalizzare l’Intero Sito?

La risposta è sì.

In effetti è possibile che una porzione di bassa qualità possa compromettere le sorti dell’intero sito web.

Se il contenuto del sito è buono, ma presenta molte pagine di scarsa qualità, allora il sito potrebbe avere seri problemi di posizionamento.

In altre parole, una mela marcia può compromettere l’intero raccolto.

Mancato Posizionamento e Penalizzazione

Il sito non si posiziona perché penalizzato, o semplicemente perché non lo merita?

Nella maggior parte dei casi il motivo sta nella seconda opzione, però occorre prima chiarire la differenza che corre fra i due termini sopra citati, ovvero mancato posizionamento e penalizzazione di Google.

Nella risposta di Mueller, infatti, si è puntualizzato dapprima il concetto di penalizzazione, nella misura in cui i web publishers molto spesso lamentano la scelta di Google di penalizzare dei siti piuttosto che degli altri.

Mueller ha chiarito che non è Google a penalizzare i siti web che non compaiono nei risultati di ricerca, ma che la causa va ricercata proprio all’interno delle qualità del sito stesso.

Quando un sito non compare nella ricerca vuol dire che il suo contenuto non è abbastanza buono per via della scarsa qualità oppure perchè il contenuto non è rilevate in termini di search query.

Detto ciò ne consegue che l’errore del sito sta proprio nella sua incapacità di rientrare all’interno della classifica dei siti di alta qualità, ma non per questo si tratta di una penalizzazione da parte di Google.

Quale sarebbe la soluzione?

La classica ricerca che sta dietro ad ogni forma di problem solving, ovvero la ricerca accurata della causa del cattivo andamento di un sito.

Tramite una consulenza SEO accurata si possono individuare le cause del mancato posizionamento, e avviare tutti i lavori necessari per ottenere i risultati desiderati.

John Mueller Spiega la Penalizzazione di Google

Nella risposta di Mueller innanzitutto si è definito con chiarezza il senso profondo della penalizzazione. Secondo lui, infatti, la parola in questione è associata ad un’operazione pratica, ad esempio come quando qualcuno guarda un sito web e lo bolla come sito scadente.

In caso di penalizzazione si ha infatti una notifica nella Search Console.

Mueller invece focalizza la sua attenzione sulla qualità della pagina, che non equivale alla qualità dell’intero sito.

Google in linea di massima guarda la qualità delle singole pagine invece che quella dell’intero sito web.

Ammette Mueller che, quando arriva il momento di testare la qualità di un sito, Google cerca di essere quanto più possibile specifico nel cogliere il ruolo e il valore di ogni singola pagina.

Vi sono parti di un sito che possono mostrare un’alta qualità e parti che mancheranno in qualcosa.

I casi sono sempre differenti e vanno valutati singolarmente. Non esiste una vera e propria regola generale.

Tuttavia nel complesso il sito deve mostrare di avere quelle caratteristiche vincenti e convincenti che sono necessarie per posizionarsi su Google.

Perché Alcuni Siti si Posizionano con Pagine di Bassa Qualità?

Mueller anche in questo caso ha dato una risposta interessante.

Può succedere che un sito nel complesso di alta qualità presenti poche pagine di qualità inferiore.

In questo caso, afferma Mueller, il sito potrebbe non subire alcuno stravolgimento, poiché i suoi contenuti modesti non inficiano il suo valore, dunque ai fini dei risultati di ricerca non vi sarebbe un effetto negativo su di essi.

Al contrario, un sito con molte pagine di scarsa qualità vedrebbe queste ultime screditare ed adombrare quelle di buona qualità, con effetti sitewide negativi.

Mueller ha parlato di un sito con del materiale buono e del materiale scadente che Google non ha saputo come definire proprio perchè la bassa qualità di alcune pagine rendeva incerta anche la natura di quelle apparentemente di buona qualità.

I segnali negativi però non sempre interferiscono sul posizionamento del sito: in minor numero saranno i contenuti di scarsa qualità, minore sarà l’incidenza di essi sull’intero sito.

Quindi la soluzione sta nel minimizzare (se proprio non li si può evitare) i segnali di bassa qualità, il più possibile.

4 VIDEO+PDF: Scopri il Mio Metodo di Posizionamento SEO su Google e su Google Maps Semplice, Passo Passo e Pratico, per TUTTI i Siti Web

CLICCA QUI E ACCEDI SUBITO AI VIDEO
Maria Pia Fracchiolla

About Maria Pia Fracchiolla

Maria Pia Fracchiolla è una web writer. Scrive e parla troppo (in quattro lingue diverse, tra queste il giapponese). Custodisce e sostiene una cura maniacale per le fonti, le migliori possibilmente. Prima di iniziare l’attività professionale di scrittura ha conseguito la maturità classica e studiato inglese, tedesco e spagnolo presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università Aldo Moro di Bari, dove si è laureata. Maria Pia scrive per blog, siti e social. Ama la cultura in genere, soprattutto nelle sue declinazioni artistiche, musicali, letterarie e antropologiche, senza disdegnare il piglio “cool&smart” delle tendenze attuali.

Leave a Reply