Penalizzazioni Google | JFactor.it

google penguin update

Google Penguin Update: Attento ai Tuoi Link

Ogni posizionatore siti web e SEO navigato conosce bene il Google Penguin Update: si tratta di un filtro di Google che ha l’obiettivo di individuare i siti web spammosi e appioppar loro spesso pesanti penalizzazioni. Insieme a Panda è certamente il più famoso dei filtri applicati dal motore di ricerca.

Mentre Panda si concentra maggiormente sulle caratteristiche onpage del nostro blog (qui un esempio di sito depenalizzato), però, l’attenzione di Penguin è concentrata prevalentemente sui link in entrata del nostro sito.

A tal proposito sono principalmente due le variabili da tenere in considerazione:

Che Siti Vengono Colpiti da Panda? Come Evitare di Essere Penalizzati?

Abbiamo già parlato degli update di Google. I più famosi sono Penguin e Panda, e pochi giorni fa è stata rilasciata una nuova versione di quest’ultimo.

Panda è il nome di un algoritmo di Google che può portare alla penalizzazione algoritmica di un sito. Il primo Panda risale al 23 febbraio del 2011. Panda ha il ruolo di controllare la qualità dei siti web, non permettendo a siti di scarsa qualità di fare un buon posizionamento SEO.

I primi aggiornamenti di Panda sono stati sporadici, ora invece Panda viene avviato ogni mese da Google, quindi ogni mese c’è, in parole povere, questo processo di valutazione della qualità dei siti internet.

Scopri se il Tuo Sito E’ Penalizzato e Risolvi la Penalizzazione

Un sito web è penalizzato quando, nonostante sia autorevole (ovvero abbia buoni link) e di buona qualità (con contenuti interessanti e originali) non si posiziona bene sul motore di ricerca per le parole chiave che desideriamo.

Può capitare che un sito in prima pagina, ad esempio, sprofondi tutto d’un tratto giù nella serp (ovvero nei risultati di ricerca), finendo in decima pagina o oltre.

Ipotizziamo che il nostro bel blog meriti, per i propri valori onpage, offpage, e per altre caratteristiche (ad esempio l’età del dominio o il PR), una posizione diciamo in 1° o 2° pagina. E’ possibile però che a causa di una o più variabili “negative”, Google declassi il blog, portandolo anche oltre la millesima posizione. Quando notiamo che blog con ottime caratteristiche vengono sbalzati via in pagine lontanissime da quella in cui si trovavano, è probabile che vi sia stata una penalizzazione, manuale o legata a un algoritmo.

Sei Stato Penalizzato Manualmente? Vediamo Insieme come Scoprirlo e Come Rimediare!

Google ha avviato da poco sul suo Webmaste Tools (lo strumento per webmaster che è bene collegare al nostro sito) la sezione “Manual Spam Action”.

Tramite questa voce possiamo sapere con semplicità e sicurezza se il nostro sito è stato penalizzato manualmente da Google. Bisogna comunque precisare un punto: il sito può aver subito una penalizzazione algoritmica o manuale:

Come Ho Depenalizzato Il Blog Del Mio Cliente

Signore e signori, bentornati!! Oggi vi propongo un nuovo case study sul posizionamento SEO.

Se precedentemente mi son soffermato sui risultati di posizionamento di un mio blog (trovi l’articolo qui, con tanto di nuovo aggiornamento), questa volta toccherò un argomento ugualmente delicato: le penalizzazioni dei blog. Soprattutto con il nuovo algoritmo, infatti, e in particolare con gli aggiornamenti “Penguin” e “Panda”, Google ha iniziato a penalizzare siti che non si attengono alle sue rigide regole.

Che Vuol Dire “Sito Penalizzato”?

Se un sito viene penalizzato perde posizioni sul motore di ricerca, in maniera drastica. Spesso questo accade per molte parole chiave.