Posizionamento Siti Web SEO

 


Che Dicono di Me i Miei Studenti?

dome-273x300
Domenico Drovetti
Esperto Nutrizione, NutrizioneSuperiore.it

Sono molto felice di collaborare con Filippo a cui ho affidato la gestione SEO del mio sito. Filippo si è rivelato fin da subito molto preparato e appassionato del suo lavoro che svolge con precisione e serietà. Abbiamo raggiunto in poco tempo un risultato in prima pagina a cui tenevo particolarmente per l'importanza del nostro lavoro e stiamo lavorando molto bene per far salire anche molte altre parole chiave importanti per la nostra attività. Ringrazio Filippo per la continua disponibilità, la pazienza con cui ci supporta nel nostro lavoro e la competenza che dimostra quando si tratta di SEO e posizionamento. Consiglio vivamente la sua consulenza e il corso che ha preparato per aiutare chi come me non ha competenze in materia e nemmeno il tempo per crearsele; grazie al corso tutto diventa molto più chiaro e veloce! Domenico Drovetti

testimonial-flavio-web
Flavio Sapochetti
Fondatore FlavioWeb.net

Buongiorno filippo. Ho visto il corso fino alla sezione ottimizzazione. Complimenti. Ben fattissimo. Guarda... Te lo dice uno che sono anni che cerca di fare seo decentemente. Sono sincero. L'appellativo Seo Coach ti calza a pennello 😀

testimonial-alessandro-baroni
Alessandro Baroni
Proprietario SandroBaroni.com

Buona sera Filippo! Ti volevo ringraziare per le indicazioni da te ricevute tempo fa e riferite a come portare i siti a comparire in prima pagina nelle ricerche fatte su Google e in base alle parole chiave e agli specifici argomenti trattati... Ebbene, allo stato attuale, ho realizzato i miei primi tre siti per tre aziende distinte e tutte appaiono nei primissimi posti delle ricerche per le parole chiave e gli argomenti specifici trattati!!!

testimonial-caterina
Caterina Ongaro
Interior Designer, EvergreenOrange.com

Sono stata molto fortunata a trovare nel mare di internet un professionista veramente preparato come te, estremamente abile nel rendere semplici, chiari e veloci argomenti complessi. Le lezioni online sono state ineccepibili, ho apprezzato moltissimo l'onestà, la disponibilità e la simpatia di Filippo che rendono digeribile la SEO a chiunque. Continuerò sicuramente la collaborazione, grazie mille Filippo. a presto! buon lavoro :)))

testimonial corso seo base
Michele Rallo
Istruttore Kitesurf, StagnoneKitesurf.com

Mi sono imbattuto su Jfactor facendo delle ricerche sulla Seo per il mio sito. Ho deciso di contattare Filippo Jatta, si è dimostrato un professionista davvero competente del ramo: la sua analisi lucida e dettagliata in base ai miei obiettivi mi ha fatto cambiare punto di vista sul posizionamento. Partendo dall’architettura del sito sino a una costruzione minuziosa del link building o ai riferimenti per il multilingua. Non c’è stato dettaglio che sia stato tralasciato. Ora il mio sito è ben posizionato. Per non parlare della sua disponibilità. Chiaro presente e preciso: davvero consigliato.

testimonial in scioltezza
William Maneo
Blogger, InScioltezza.com

In mezzo a tanti sedicenti esperti, guru e improvvisati pseudo specialisti, Filippo dimostra con i fatti le sue innate abilità di preparato e serio Seo Specialist. La sua grande preparazione tecnica abbinata alle sue grandi doti comunicative rendono semplici anche gli argomenti piu' complessi ed ostici e fanno di Filippo una persona autorevole in materia di posizionamento su Google. Davvero consigliatissimo. Un grazie speciale perchè i suoi insegnamenti mi hanno consentito di ottenere incredibili risultati.

testimonial-stefano-marchesi
Stefano Marchesi
Network Marketer presso Kyani

Ciao Filippo sono Stefano Marchesi, per il corso devo dirti che quando ho notato i tuoi 3 video gratuiti di grande valore ho capito che, oltre l'esperienza che hai nel campo di google, la tua partecipazione nel collaborare con i nuovi contatti mi è piaciuta molto perché sono persone rare da trovare al giorno d'oggi. Per questo ho acquistato il tuo corso veramente STRAORDINARIO e con parole molto CHIARE e SEMPLICI, anche per uno come me che ha delle difficoltà uditive. Dimenticavo di dirti che ho notato che, caro Filippo, quando ho acquistato il corso sei tu in prima persona ad preoccuparti e ad aiutarmi per crescere e imparare il corso acquistato. Grazie Filippo di cuore distinti Saluti.

testimonial-maura
Maura Petrini
Artista, ScarpePersonalizzate-Mapet.com

Volevo dirti che solo con le indicazioni dei corsi gratuiti sono già in prima pagina (ultima posizione)...posso solo migliorare direi 🙂 A presto e grazie

+ +

Posizionamento siti web SEO…

… pur avendo  poca dimestichezza col pc (Con caso studio)

 

Se ti dicessi che non hai bisogno di spendere soldi in pubblicità per ottenere quotidianamente  centinaia di visite sul tuo sito web per il tuo business stenteresti a crederci, vero?

E invece è possibile e puoi riuscirci da solo, con l'internet marketing e il posizionamento SEO, con il posizionamento siti web sui motori di ricerca.

In questo articolo ti spiego come fare il posizionamento google.

Il tuo obiettivo è riuscire a far comparire  il tuo sito internet tra i primi 10 risultati sui motori di ricerca. Tranquillo, non c’è bisogno di essere degli informatici per riuscirci.

Neanche io lo sono. Mi sono laureato in Economia presso la Bocconi di Milano eppure, nonostante la mia preparazione universitaria abbia ben poco a che fare con la programmazione informatica, da anni mi occupo proprio di posizionare i siti web dei miei clienti sulla prima  pagina dei motori di ricerca con risultati davvero molto soddisfacenti.

Ad esempio, qui sotto puoi vedere come , nel giro di pochi mesi, uno dei tanti siti che ho posizionato ha ricevuto un incremento esponenziale della quantità di visite. Ho realizzato anche un video dove puoi apprendere nel dettaglio di che sito sto parlando.

Mi presento. Sono Filippo Jatta e sono un professionista nell’ambito della SEO.

Come dicevo prima, il mio lavoro consiste nel dare la maggiore visibilità possibile ai siti dei miei clienti collocandoli nella prima pagina dei search engine e degli altri principali motori di ricerca.

Svolgo il lavoro di posizionatore siti web dal 2008 e, da allora, ho aiutato moltissimi liberi professionisti, blogger, aziende private ed e-commerce ad ampliare notevolmente  il loro giro di affari proprio  attraverso la SEO.

Posizionamento SEO in tre semplici mosse.

Imparare a destreggiarsi con la SEO ( ovvero riuscire a posizionare il proprio sito in prima pagina sui motori di ricerca) è più semplice di quanto possa sembrare. Basta capire delle regole fondamentali e  applicarle scrupolosamente. Riuscirai così a muoverti in piena autonomia, senza doverti rivolgerti ad alcun professionista di questo settore, risparmiando e ottenendo una bella gratificazione personale.

Oltre ad una guida dettagliata sul funzionamento della SEO troverai qui anche l’analisi di un caso studio. Potrai così  vedere nel concreto come sono riuscito a posizionare in prima pagina un sito internet e renderti conto della reale efficacia di questo sistema.

Ma entriamo nel vivo della questione. Fare SEO per il proprio business comporta tre step:

  1. Individuazione delle key words. Vale a dire scegliere in maniera mirata le parole-chiave con cui ottenere il posizionamento sui motori di ricerca in prima pagina. Dobbiamo focalizzarci su quelle parole che possono comparire nel maggior numero di ricerche e che abbiano la minor concorrenza possibile.
  2. Ottimizzazione del sito, ovvero renderlo funzionale alla navigazione dando soprattutto rilevanza agli argomenti di cui parliamo. In tal modo i search engine lo qualificheranno come sito di qualità.
  3. Link building, ossia creare una rete di collegamenti ipertestuali su altri siti che rimandino al nostro sito web. Così facendo, il nostro sito verrà considerato autorevole e riceverà maggiore visibilità.

In questo articolo non entrerò nei minimi dettagli di ogni singola fase , ma ti fornirò le nozioni fondamentali per permetterti di iniziare  immediatamente ad addentrarti  nel meccanismo del posizionamento SEO. Potrai così veder subito crescere il numero di visitatori del tuo sito o del tuo blog e sarà tutto merito tuo.

Per agevolarti, ho deciso anche di mettere a tua disposizione 4 videocorsi che potrai scaricare gratuitamente sul tuo pc.

Nel primo video impererai a sceglier le parole-chiave più funzionali per conseguire un buon posizionamento.

Nel secondo video apprenderai le tecniche per migliorare  le pagine del tuo sito in modo da renderlo più accessibile e meglio organizzato.

Nel terzo video ti insegnerò ad ottenere i link per rendere più autorevole il tuo sito e aumentarne la visibilità.

Nel quarto video  ti illustrerò il mio metodo e scoprirai quanto sia davvero facile da imparare.

posizionamento siti web

Ma procediamo con ordine:

Impara a scegliere le parole-chiave migliori per posizionare il tuo sito internet

Quali sono le parole chiave per fare posizionamento su google? Non sono altro che quelle parole che vengono digitate sulla barra di ricerca dei motori di ricerca ogni qual volta si effettui una ricerca. Ti faccio un esempio pratico. Poniamo il caso che tu voglia trovare un corso di Inglese online  sui search engine. Andrai quindi a scrivere sula barra di ricerca “ corso Inglese online” ed è proprio  la sequenza di queste parole che costituisce la parola-chiave. Può sembrare un dettaglio irrilevante, quasi un automatismo che viene fatto distrattamente. Ma  pensaci per un attimo: sono proprio queste parole che fanno entrare in contatto i tuoi potenziali clienti e visitatori con il tuo sito o con il tuo blog. Capirai bene, quindi, che questa fase è di assoluta importanza e gioca un ruolo fondamentale ai fini del posizionamento in prima pagina. Ti dico di più: ho elaborato anche  un originale sistema di guadagno ( di cui potrai conoscere il funzionamento nel mio corso) basato esclusivamente sulla ricerca delle parole chiave. Può essere applicato su blog di piccole dimensioni ( anche solo di  una decina di pagine web)  e permette un rendimento costante di 150-200 € mensili senza dover far nulla . Non ci credi? Guarda il grafico qui sotto. Riporta l’andamento di uno di questi siti di cui, per motivi di privacy, non riporto il nome e la parola chiave.

Balza subito agli occhi come il numero di visitatori sia significativamente aumentato ed, infatti, questo sito si è posizionato sulla prima pagina dei motori di ricerca in appena due mesi. Allettante, vero?

Anche tu puoi riuscirci e ora ti spiego come fare.

Per prima cosa devi avere una precisa idea dei contenuti presenti sul tuo sito o sul tuo blog (cosa vendi, quali servizi offri, di cosa trattano gli articoli che pubblichi). Per ognuno di questi contenuti stila un elenco di almeno 5 parole-chiave  e con queste vai ad impostare di volta in volta la ricerca sui motori di ricerca. Noterai al fondo della pagina della ricerca la sezione “ricerche correlate”. Si tratta di un elenco di ricerche che vengono più frequentemente effettuate dagli utenti dei motori di ricerca per quello stesso argomento. Altro non sono quindi che delle parole-chiave correlate al tuo argomento e che vengono effettivamente digitate per le ricerche. Questo può darti una validissima mano nell’individuazione delle parole-chiave più utili per il posizionamento del tuo sito.

Fai subito una prova. Immagina di gestire un e-commerce di cover per smartphone. Imposta la ricerca digitando come parola-chiave la stringa “ cover  smartphone”. Va al fondo della pagina e troverai le ricerche correlate che ti suggeriranno le parole-chiave che fanno maggiormente al caso tuo. Quante più nuove ricerche effettuerai sullo stesso argomento, tante più parole-chiave efficaci  potrai ottenere. Come vedi si tratta di un procedimento molto semplice.

Tieni a mente, però, che il tuo obiettivo nel posizionamento siti web è quello di far comparire il tuo sito trai i primissimi risultati del maggior numero possibile di ricerche inerenti ad uno specifico argomento contenuto nel tuo sito. Per farlo devi, in qualche modo, sbaragliare la concorrenza. Tra tutte le  parole-chiave ottenute dalle ricerche correlate dei search engine scegli quelle che :

  • Sono strettamente pertinenti al tuo argomento;
  • Hanno un numero di termini non inferiore a tre ( nell’esempio di prima , “cover smartphone” non è una parola-chiave efficace, perché è composte da soli due termini, mentre “migliori cover smartphone” lo è già di più)

Evita le parole-chiave composte da una solo termine: sono troppo generiche, possono produrre risultati fuorvianti  e sono normalmente ad elevata concorrenza.

Una volta fatta l’opportuna selezione delle migliori  parole-chiave, segnatele su un file excel o sul blocco note. Cerca di realizzarne un elenco abbastanza ricco. Diciamo che 20 è un buon numero da cui partire.

Ce l’hai fatta? Ottimo.

Adesso mettile per un attimo da parte e seguimi in un piccolo esperimento.

Facciamo un esperimento di posizionamento SEO!

Voglio dimostrarti la validità dei procedimenti che ti ho illustrato finora in un modo molto semplice: utilizzando l’articolo che stai leggendo come caso studio e posizionandolo in prima pagina sui motori di ricerca.

Stai leggendo questo articolo dal mio blog personale JFactor.it che è dedicato al posizionamento SEO e, quindi, al posizionamento dei siti sui search engine. Lo posizionerò tra i primi dieci risultati di Google utilizzando come parola-chiave  la stringa “posizionamento siti web”.

Perché ho scelto questa parola-chiave? Perché i visitatori interessati ai servizi che propongo vogliono essenzialmente che porti il loro sito in “prima pagina si motori di ricerca” .Si tratta quindi una parola-chiave estremamente pertinente al mio argomento e di una lunghezza adeguata (4 termini).

Ora fai una verifica: digita sulla barra di ricerca di Google “posizionamento siti web” e avvia la ricerca . Come vedi,  JFactor.it è in prima pagina.

Continua a leggere e scoprirai come ci sono riuscito.

La cosa fondamentale per approcciarsi al posizionamento SEO è imparare a ragionare come ragionano i motori di ricerca. Nulla di più.

Avrai avuto modo di capire che non c’è nulla di inaccessibile in questo e, anzi, proprio il web può fornirti gli strumenti più validi e a costo zero. Nello, specifico, per quanto riguarda la scelta  delle parole-chiave più efficaci  ( in cui sono richieste delle buone dosi di scrupolosità e impegno) puoi avvalerti dell’aiuto di numerosi e affidabili software gratuiti, comodamente scaricabili via web. Questi strumenti ti permetteranno di sapere quali parole-chiave sono collegate al maggior numero di  ricerche. Conoscere questo dato è fondamentale ed è il primo passo verso il tuo  successo. Se non fossi in grado di conoscere il numero di ricerche correlate ad una precisa parola-chiave correresti il rischio di ottimizzare la tua pagina web per una parola-chiave poco efficace (  poche ricerche = poco traffico), facendo così solo un buco nell’acqua.

posizionamento seo

Ecco perché il primo dei miei video gratuiti è focalizzato proprio sulle parole-chiave. In questo video ti illustrerò in maniera chiara e precisa  tutti gli step di questa particolare tecnica di internet marketing per imparare a sceglier le parole-chiave nel modo più rapido e, allo stesso tempo, più rigoroso possibile.

Funzionalità e qualità: le parole d’ordine per l’ottimizzazione e il posizionamento di un sito web

Ora che hai scelto con cura e con criterio le parole-chiave per cui vuoi che il tuo sito venga posizionato in prima pagina sui motori di ricerca, puoi passare allo step successivo: l’ottimizzazione del sito.  In questa fase, devi tenere a mente una cosa: devi conquistarti la “fiducia” dei motori di ricerca  e attirare l’attenzione dei potenziali visitatori. In poche parole, il tuo sito deve risultare  attendibile, bello e ben fatto: solo così potrà balzare in cima  ai risultati dei search engine e agli occhi di chi lo consulta. Come si fa?  Puntando innanzi tutto sulla qualità dei contenuti. Ti faccio subito un esempio pratico per darti un’idea di cosa intendo quando parlo di qualità.

Immaginiamo che tu gestisca un blog incentrato sulla cosmesi naturale e voglia posizionarlo per le parole chiave “cosmetici naturali fai da te”, “migliori ricette cosmetici naturali”, “benefici cosmesi naturale”. Quello che  devi fare è semplicemente creare dei contenuti ad hoc per queste parole chiave; nello specifico, in questo caso, degli articoli dedicati agli argomenti delle parole chiave. Allo stesso modo, se avessi un e-commerce di cosmesi naturale, i tuoi contenuti da ottimizzare sarebbero le schede di vendita dei tuoi prodotti.

Una volta creati questi contenuti, puoi passare ad ottimizzarli. Continua con la lettura e imparerai  le tecniche fondamentali per ottimizzare un articolo ( per i contenuti delle e-commerce i principi basilari sono gli stessi).  Bada bene, i contenuti devono essere ben strutturati, accessibili e chiari in modo tale da risultare davvero interessanti e utili a chi li consulta.

Ciò di cui ci andiamo ad occupare viene chiamata in gergo ottimizzazione SEO on-page, perché andiamo ad intervenire sugli argomenti  presenti sul tuo sito e li andiamo a migliorare in termini di struttura e  contenuti. Tutto questo per “convincere “ i search engine che il tuo è un sito attendibile e non un sito spazzatura, che è organizzato in maniera efficace  e non dispersiva, e che gli argomenti trattati sono esposti in maniera chiara e non ambigua.

Tieni conto che, per il posizionamento siti web, con parole-chiave a bassa concorrenza, un’ottimizzazione on-page ben fatta può davvero bastare a farti arrivare in prima pagina.

È questo il caso del mio amico Luca, proprietario dell’autolavaggio Armenise di Bari. Tempo fa mi chiese di aiutarlo ad ottenere maggiore visibilità su internet e mi è bastato intervenire, con alcune delle tecniche che sto per illustrarti, sull’ottimizzazione on-page del suo sito per posizionarlo in prima pagina sui motori di ricerca. Se cerchi, infatti, “autolavaggio bari” vedrai subito che l’autolavaggio Armenise compare tra i primissimi risultati della ricerca. Provare per credere. Ti faccio questi esempi concreti per dimostrarti che non parlo in astratto  e che questi stessi risultati puoi raggiungerli anche tu.

E ora ti mostro come.

Ottimizzazione della pagina web

Ti mostro adesso come ottimizzare la pagina web avvalendomi dell’aiuto di alcune immagini che  ti torneranno molto utili soprattutto se  utilizzi WordPress. Se utilizzi altre piattaforme, non preoccuparti: i principi base sono comunque validi. Devi solo adottare le tecniche che ti sto spiegando tenendo conto delle caratteristiche del tuo sito. Procediamo con ordine.

Scegli accuratamente il titolo.

Sappiamo bene che un titolo accattivante spesso riesce ad attirare un maggior numero di lettori o utenti, ma questo non deve distoglierti dal tuo obiettivo principale. Usa pure la fantasia, la creatività e/o i giochi di parole per la scelta del titolo del tuo articolo, purché questo contenga le parole chiave per cui lo stai ottimizzando. Altrimenti opta per un titolo più semplice, basta che al suo interno sia comunque inclusa la parola-chiave che hai scelto. Per farti un esempio ritorniamo al nostro caso studio.  Come ti ho già detto, questo articolo è stato  posizionato per la parola-chiave “posizionamento seo”. “Posizionamento su Google in prima pagina” è sicuramente un titolo efficace perché è semplice e contiene la parola-chiave. Nota bene che, in questo caso,  i termini della  parola-chiave non compaiono nella precisa sequenza utilizzata per la ricerca, ma vengono egualmente tutti utilizzati all’interno del titolo: è questo quello che conta.

Ripeti più volte la parola-chiave all’interno dell’articolo.

Così facendo, i motori di ricerca comprendono di cosa stai effettivamente parlando. Attenzione, non c’è bisogno di ripetere la parola-chiave  in maniera ossessiva per posizionare un sito su google: questo potrebbe essere addirittura controproducente perché rischi di annoiare i tuoi lettori. Una buona e comprovata strategia è quella di posizionare la parola-chiave all’inizio dell’articolo, a metà del corpo del testo e nella conclusione, ripetendola quindi solo tre volte. Abbi, però, cura di riportarla in grassetto una volta.

Titolo 1/ H1

Una precisazione: a differenza del titolo, che compare tassativamente all’inizio dell’articolo, il Titolo1 ( chiamato anche  H1 o Head1) può essere posizionato in qualunque punto dell’articolo, l ’importante è che abbia una dimensione di carattere maggiore rispetto al corpo del  testo. Nel caso dell’articolo che stai leggendo, il titolo è “posizionamento seo”, mentre il Titolo1 è  “Come posizionare il tuo sito internet in prima pagina”.

Per identificare il Titolo1 e ottenere la grandezza di carattere ad esso adeguata  , scrivi il Titolo1 tra il comando “<h1>” e il comando “</h1>. Con PressWord, invece, basta selezionare la frase prescelta, andare alla sezione “Paragrafo” e  selezionare “Head1”   o “Titolo 1”. L’immagine qui sotto ti renderà tutto più semplice

Quelli che ho elencato finora sono  degli accorgimenti fondamentali nell’ottimizzazione di un articolo che possono sembrare piccolezze, ma che fanno davvero la differenza.

Ad esempio, Michele Rallo,  un mio  corsista che insegna   Kite-surfing  a Stagnone in Sicilia, li ha utilizzati nel suo sito e ha ottenuto esiti sbalorditivi.  Per prima cosa ha individuato come parola-chiave principale “ stagione kite-surfing”  poiché ha notato che  le ricerche ad essa  correlate sono ben 200 e aumentano nella stagione estiva ( d’altronde il kite-surfing è uno sport stagionale) . Di conseguenza, ha ottimizzato il sito per quella parola-chiave  secondo le istruzioni che gli ho fornito nel mio corso. Così facendo, il suo sito non solo è arrivato in  prima pagina sui search engine, ma si è posizionato persino in prima posizione!

Non potevamo sperare in un risultato migliore, soprattutto se teniamo presente che Michele è un libero professionista che attraverso il suo sito raccoglie contatti e richieste di informazioni per e sue lezioni.

posizionare sito internet

Immagini

Le immagini giocano un ruolo di grande impatto all’interno dei siti web e, soprattutto per le e-commerce, ma non solo, sono essenziali  ed è bene quindi che siano presenti in grandi quantità. Anche le immagini che appaiono nei siti  sono dei contenuti web e possono essere quindi essere ottimizzate. Come si fa?

Semplice:  per prima cosa, nomina il file dell’immagine che vuoi caricare sulla pagina web  con la parola-chiave per cui stai ottimizzando quella pagina. Ad esempio, le immagini presenti in questo articolo potrebbero essere  rinominate come “posizionamento-siti-web.jpeg”. Adesso clicca su “Aggiungi media” e carica l’immagine. Fatto ciò,  clicca sull’immagine e seleziona l’icona della matita. Ora non ti resta che  selezionare il testo  alternativo e l’attributo title  dell’immagine per inserirne la descrizione e l’immagine sarà ottimizzata al 100%.

L’ottimizzazione On-page ,però, non finisce qui. Ci sono tanti altri importantissimi dettagli che possono essere perfezionati per completare l’ottimizzazione del tuo sito  come , ad esempio, le url, le categorie, i link interni e i menu del sito.

Non molto tempo fa, ho ottimizzato il sito offertacialdecaffè.it. Gli aspetti su cui sono andato ad intervenire principalmente sono stati la struttura del sito e i menu. Guarda con i tuoi occhi  che risultati ho ottenuto con questi interventi mirati di ottimizzazione!

 

In appena cinque mesi, il numero delle visite settimanali è stato più che quadruplicato!  Come vedi, l’ottimizzazione di un sito può farti raggiungere risultati davvero significativi e, soprattutto,  in tempi molto brevi.

Per questo, tra i miei video gratuiti ce n’è uno che ti darà tutte le informazioni per ottimizzare al meglio un articolo del tuo blog.

Obiettivo Autorevolezza : l’importanza della Linkbuilding nel posizionare un ecommerce o un blog

Facciamo un po’ il punto della situazione. Finora abbiamo giocato di strategia ( la scelta delle parole-chiave più redditizie) e di struttura ( l’ottimizzazione SEO on-page); ora dobbiamo giocare d’attacco e mirare all’autorevolezza. Come riuscirci? Attraverso la tecnica  della Linkbuilding ( letteralmente costruzione dei link).

Partiamo dalle basi: i link vengono chiamati anche collegamenti ipertestuali e sono quelle parole all’interno di una pagina web cliccando le quali andiamo ad aprire altre pagine web. Queste ultime  possono appartenere allo stesso sito che stiamo visitando (link interni) oppure a siti diversi (link esterni). Quanti più siti internet rimandano al nostro sito attraverso i link , tanto più il nostro sito sarà considerato autorevole di motori di ricerca. Attraverso la linkbuilding è un po’ come se andassimo a costruire la buona reputazione del nostro sito. Per questo è importante andare a selezionare solo link di alta qualità, altrimenti otterremmo risultati controproducenti. La linkbuilding è una tecnica validissima soprattutto quando dobbiamo posizionare il sito per parole-chiave ad alta concorrenza.

Ti riporto l’esempio di Fulvio, fondatore dell’e-commerce Youcover.it. Il sito di Fulvio vende cover personalizzate per iphone e proprio per questo l’ho posizionato in prima pagina, tra le altre,  per la parola-chiave “cover personalizzate iphone”.

Puoi constatare di persona questo risultato con l’immagine qui sotto. Bada bene che i risultati con la scritta “Ann”  sono delle pubblicità a pagamento, quindi non hanno nulla a che fare con il posizionamento SEO.

per-i-motori-di-ricerca-bisogna-trovare-parole-chiaveCome puoi vedere la parola-chiave “migliori cover personalizzate” produce oltre 364000 risultati, vale a dire che si tratta di una parola-chiave ad elevata concorrenza. Come sono riuscito quindi ad ottenere questo risultato?  Scegliendo accuratamente le parole-chiave, ottimizzando al massimo il sito e le singole pagine e, soprattutto, ottenendo link di alta qualità.

 

Sicuramente adesso  ti starai chiedendo come si ottengono questi link per il tuo business.

È presto detto.

Esistono diverse tecniche e diverse fonti per l’ottenimento dei link. Alcune di queste sono molto efficaci, altre meno.

In questa guida base ti spiegherò come ottenere alcuni tipi di link e ad accedere ad alcune fonti  in maniera rapida ed intuitiva. Ho messo anche a tua disposizione un video gratuito in cui ti mostro dal vivo come fare ad ottenere questi primi link.

Nel mio videocorso, invece, ti spiego in maniera approfondita e dettagliata come ottenere link di qualità da tutte le tipologie di fonti possibili. Mi soffermerò su ogni singola fonte  fornendoti sempre degli esempi pratici e rivelandoti anche i link tramite i quali sono riuscito a posizionare i miei siti.

Tranquillo, non si tratta di nulla di troppo complicato e attraverso i video diventa ancora più semplice capire come funziona.

Diamoci da fare, allora e iniziamo a vedere alcune  delle fonti da cui ottenere i link.

Directory

Le directory sono  una risorsa praticamente immediata  per l’ottenimento dei link.  Sono delle specie di rubriche virtuali in cui sono segnalati i diversi siti a seconda dell’argomento. Ci basta quindi segnalare il nostro sito alle directory per  ottenere il link.

Le directory possono essere facilmente trovate impostando delle ricerche sui motori di ricerca con parole-chiave tipo “directory italiane”.

Fatto? Ora passa in rassegna i risultati di queste ricerche. Come puoi vedere nell’immagine qui sotto, all’interno di questi siti troverai sezioni dedicate alla segnalazione dei siti ( basta cliccare sulle voci “segnala il tuo sito”, “proponi un sito” oppure “inserisci il tuo sito).

 

Accedi a queste sezioni e inserisci l’indirizzo dell’homepage del tuo sito fornendone anche una breve descrizione ed il gioco è fatto.  Con questi semplici passaggi hai già ottenuto un primo link.

Di per sé le directory non sono una fonte molto potente, però possono rivelarsi molto utili nella linkbuilding per il posizionamento di parole-chiave a bassa concorrenza.

Eccoti una lista di directory in cui ti consiglio di segnalare il tuo sito: mariorossi.it, lamiadirectory.com, directory-italia.com, thespider.it, mrlink.it, dallidalli.it, nettilandia.com, sullarete.it.

Comunicati stampa

Un altro modo per ottenere link è quello di ricorrere alle piattaforme online  dedicate alla pubblicazione di comunicati stampa. Attraverso questi siti è possibile pubblicare gratuitamente articoli su una ampissima gamma di argomenti. Ed è proprio grazie a questi articoli che puoi ottenere il link

Ti spiego come con un esempio pratico. Poniamo il caso che il tuo sia un sito dedicato al bricolage. Quello che devi fare è semplicemente scrivere un breve articolo sul bricolage e inserirci all’interno un link di rimando al tuo sito internet.

Ora ricerca sui search engine questi siti, effettua la registrazione gratuita  ed inserisci il tuo articolo. Nel giro di pochi giorni, l’articolo verrà pubblicato e insieme ad esso, anche il link apparirà in rete. Un gioco da ragazzi, visto?

Per agevolarti, ti fornisco un elenco di questi siti: comunicati-stampa.net, comunicati-stampa.com, comunicatistampa.net, comunicatistampa.jimdo.com, comunicatostampa.org.

Forum

Scrivere sui forum offre il duplice vantaggio di ottenere link e traffico diretto sul proprio sito.

È un’attività che ti consiglio vivamente di fare e di farla in maniera oculata.

Mi spiego meglio Non uscirtene dal nulla o con interventi inopportuni solo per piazzare il tuo link sul forum : così facendo ti bruci la possibilità di ottenere traffico diretto al tuo sito.

Cerca invece  dei forum pertinenti all’argomento del tuo sito, partecipa fattivamente con interventi adeguati alla discussione e, quando se ne presenta l’occasione, inserisci pure il tuo link. In questo modo gli utenti saranno invogliati a consultare il tuo sito e questo contribuirà a costruire un buon profilo del link.

Commenti sui Blog

Proprio come i forum, i commenti sui blog non danno enormi benefici in termini di posizionamento, ma consentono comunque di ottenere sia link che traffico diretto.

Trova innanzitutto i blog che fanno al caso tuo impostando una ricerca per “argomento lascia un commento”. Se, ad esempio, ti occupi di tatuaggi ricerca “tatuaggi lascia un commento” . Ora accertati che sui siti che ti compaiono tra i risultati ci sia davvero l’opportunità di lasciare un commento e quindi, laddove possibile, procedi compilando i campi nome, e-mail, sito internet e commento. Quando il tuo commento sarà pubblicato, cliccando sul tuo nome si verrà automaticamente rimandati sul tuo sito. Questo ti permetterà di ottenere un maggiore numero di visitatori.

Siti di guest posting, social network  e  competitor

Le fonti per la linkbuilding non si limitano a quelle che ti ho elencato finora. Ce ne sono altre potentissime ai fini del posizionamento come, ad esempio, i siti di guest posting. Questi sono siti molto visitati ( in genere blog) che danno l’opportunità di pubblicare un post in cui andrai ad inserire il tuo link.

Anche ottenere link dai social network come Facebook e Youtube e sfruttarli nella maniera migliore ti permette di acquisire una grandissima visibilità.

Un’altra strategia di linkbuilding è quella di copiare i link dei tuoi concorrenti (competitor) diventando così anche più autorevole di loro.

EvergreenOrange.com, sito di sticker murali e adesivi , è di proprietà della mia corsista Caterina. Applicando le tecniche di linkbuilding  del mio corso, ha posizionato il suo sito in prima pagina per delle parole-chiave ad alta concorrenza come “adesivi murali”.

Ti faccio vedere un’ultima meraviglia.

Siamo giunti al termine del nostro esperimento. Ho seguito tutte le tecniche che ti ho spiegato finora ( più altre che affronto nel mio videocorso) per posizionare questo articolo in prima pagina per la parola chiave “posizionamento siti web” .

Et voilà: sono in prima pagina!

Sono contento e soddisfatto di aver fatto diventare questa guida al posizionamento dei siti un caso studio, perché così puoi renderti conto che i consigli e le informazioni che ti ho dato funzionano davvero.

Ho imparato a destreggiarmi con il posizionamento SEO partendo da zero e adesso è diventato il mio lavoro. Anche tu puoi ottenere gli stessi risultati.

Ti ringrazio e mi congratulo con te per il tempo che hai dedicato alla lettura di questo articolo. Adesso devi  scegliere se:

  • Chiuderlo e dimenticare tutto quello che hai letto;
  • Approfittare dei video gratuiti che ho realizzato per te  iniziare da solo ad aumentare il traffico di visitatori sul tuo sito;
  • Contattarmi per farmi posizionare il tuo sito ( purché il tuo budget annuale minimo non sia inferiore a €3.500).

Qualunque cosa tu scelga di fare , ti mando un caloroso saluto e ti faccio auguro buona fortuna per i tuo affari!

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.