Penalizzazione Google SEO: Risoluzione e Verifica

Hai notato un brusco calo di traffico per il tuo sito? Potrebbe esserci stata una penalizzazione di Google. In questo articolo ti spiego in cosa consistono queste penalizzazioni, e come riuscire a recuperare traffico.

Clicca Qui e Contattami per Risolvere la Penalizzazione

In questo articolo scoprirai come individuare e porre rimedio alle penalizzazioni di Google.

Sto per spiegarti quali sono i tipi di penalizzazione, come verificare se si è davvero stati colpiti, come evitare di esserlo e come uscirne se sei già stato colpito.

Mi presento: sono Filippo Jatta, sono consulente dal 2007.

Mi sono laureato e specializzato nel 2007 in Economia, Organizzazione e Sistemi Informativi presso l’Università Bocconi di Milano.

Per contattarmi usa il form in fondo alla pagina o scrivimi su WhatsApp al numero 348 09 06 338.

Prima di iniziare, sappi che ho anche preparato per te 4 video gratuiti in cui ti mostro dal vivo come posizionare un sito senza rischiare nessuna penalizzazione, e ti insegno il mio esatto metodo, passo passo.

Per ottenere i video gratuiti ed evitare di essere colpito dal motore di ricerca, clicca sul pulsante arancione qui in basso.

Se invece preferisci la guida in forma scritta, prosegui pure più giù con la lettura.

4 VIDEO+PDF: Scopri il Mio Metodo Semplice, Passo Passo e Pratico, per TUTTI i Siti Web


CLICCA QUI E ACCEDI SUBITO AI VIDEO


Cosa Sono le Due Tipologie che Possono Colpirti

Cosa sono le penalizzazioni di Google?

Iniziamo col dire che le penalizzazioni sono di 2 tipi:

  • manuali (quella vera e propria);
  • algoritmiche (si parla in questo caso di filtri algoritmici).

Cosa Sono quelle Manuali

Quelle manuali sono dovute a interventi di dipendenti umani, che con ricerche casuali o in base a segnalazioni verificano la qualità del sito web.

Un dipendente in carne e ossa controlla siti web e decide se il sito è ok. Se vi sono dei problemi rilevanti procede colpendo il sito, il che si traduce in una  perdita di ranking sul motore di ricerca.

Cosa Sono quelle Algoritmiche

Quelle algoritmiche (o meglio i filtri algoritmici) sono invece dovuti ad aggiornamenti dell'algoritmo. In realtà in questi casi più che di penalizzazioni di Google si dovrebbe parlare di filtri.

I due algoritmi più famosi sono Panda e Penguin.

Panda: Siti di Bassa Qualità

Panda è l'algoritmo che si concentra sulla qualità del sito web e dei suoi contenuti.

Attenzione a non proporre contenuti con keyword stuffing, con molti contenuti duplicati interni (ad esempio doorway pages in cui i vari contenuti differiscono solo per piccoli dettagli): Panda è a caccia di elementi del genere.

Penguin: Link e Spam

Penguin, invece, controlla lo spam.

E' a caccia di siti che ottengono link sovraottimizzati (con troppe anchor text manipolative) o link da siti di bassa qualità.

Come Verificare, Controllare e Scoprire le Penalizzazioni di Google

Quando è manuale, arriva un avviso in Search Console.

Quelle algoritmiche, invece, non comportano segnalazione in Search Console, quindi non arriva nessun avviso ufficiale.

Pertanto, nel primo caso è semplice verificarle e scoprirle.

Nel secondo caso, invece, bisognerà incrociare i dati di diversi tool e utility, come Search Console, Analytics, e così via.

Tali tool segnalano perdite di traffico a livello sitewide, cioè in tutto il sito, o perdite di traffico riguardanti specifiche pagine.

Come Evitare e Uscire dalle Penalizzazioni SEO

Evitarle è possibile.

Si può fare curando 3 aspetti principali:

  • la struttura tecnica del sito web;
  • i contenuti;
  • i backlink, cioè i siti che ti linkano.

La struttura tecnica del sito è fondamentale per avere un sito pulito, scansionabile e che dialoghi bene con il crawler, Googlebot.

E' necessario valutare l'uso di tutti gli elementi fondamentali, come noindexcanonical e così via, al fine di mostrare un sito ben fatto.

A livello di contenuti devi controllare che il tuo sito soddisfi i search intent delle keyword obiettivo.

In sostanza, devi assicurarti che i visitatori siano soddisfatti e abbiano un'esperienza positiva.

Per quanto riguarda i backlink, dovresti controllare con vari tool, come Majestic, Ahrefs o Link Explorer o SEOZoom che il tuo sito ottenga link di qualità, ed evitare di ricevere link sovraottimizzati e di bassa qualità.

Durata

La durata di quelle manuali va avanti fin quando non mandi l'avviso (tramite Search Console) di aver risolto i problemi che affliggevano il sito web.

Se avrai fatto un buon lavoro, riceverai un messaggio che annuncia che è stata rimossa.

Per quanto riguarda quelle algoritmiche, la rimozione del filtro avviene in automatico, scansionando il tuo sito web, quindi basta attendere pazientemente.

In passato, invece, era necessario attendere mesi affinchè gli algoritmi venissero avviati. Ora gli stessi algoritmi sono in everflux, cioè sempre attivi, e i tempi sono quindi molto ridotti.

Tool da Usare per Individuarle

Sulla Search Console (lo strumento per webmaster che è bene collegare al nostro sito) c'è a sezione "Manual Spam Action".

Tramite questa voce puoi sapere con semplicità e sicurezza se il tuo sito è stato colpito manualmente (Manual Spam Action, in inglese), ma non c'è un avviso in caso di un filtro algoritmico.

Sono comunque pochi i siti che vengono colpiti manualmente (circa solo il 2%).

 

Dobbiam anche distinguere tra questi 2 tipi:

  1. Site-wide matches: vuol dire che tutto il sito presenta un determinato problema, e per questo l'intero dominio viene colpito;
  2. Partial matches: vuol dire che il problema riguarda solo una (o alcune) specifiche pagine del sito, e per questo motivo solo quelle particolari pagine sono state colpite.

Nel caso di penalizzazione manuale troverai un messaggio che ci dice se il sito è stato punito per intero (site-wide matches) o solo per alcune specifiche pagine. (partial matches).

Quando questa è parziale, oltre al motivo della punizione (in questo caso dovuta a spammy user-generated content, cioè a contenuto spammoso), viene riportata anche una lista di URL affetti.

Questo ti dà la possibilità di intervenire con maggior facilità. In questo caso possiamo leggere nella colonna "Affected" che la pagina colpita è mattcutts.com/forum/.


I motivi possono essere diversi, ad esempio dal testo nascosto (hidden text) alla ripetizione spammosa di parole chiave (keyword stuffing).

Un'ultima precisazione: quando il sito è colpito da un algoritmo (Panda, Penguin ecc) non ha senso richiedere una rivalutazione del sito: non avresti nessun riscontro. Dovrai lavorare sulla qualità del sito  attendere con pazienza che Big G. lo rivaluti.

Nel caso invece della versione manuale invece dovrai:

  1. leggere bene il motivo;
  2. intervenire per risolverlo, agendo sull'intero sito (in caso di wide-site matches) o sulle pagine specifiche (partial matches).
  3. fare una richiesta di riconsiderazione (reconsideration request), in modo tale da avvisare che abbiamo risolto il problema.

Quest'ultimo passaggio può essere fatto semplicemente cliccando sul tasto rosso "request a review" che vedi nell'immagine di prima.

Questo strumento è molto utile per risolvere lo spinoso problema. Ti lascio al mio video riassuntivo.

Dopo aver rivisto queste nozioni base vediamo ora quali possono essere le cause che portano alla punizione manuale del nostro blog.

Il signor Matt Cutts in persona (capo della sezione anti-spam) ha pubblicato 7 video in cui spiega i 7 motivi per i quali il nostro sito può subirne una manuale.

Ecco a te allora i video di Matt Cutts, con la mia libera spiegazione e qualche commento sotto ognuno di essi.

Buona visione!

Pure Spam - Puro Spam

Qui Matt Cutts ha spiegato cosa intende per "pure spam". La categoria è molto vasta e comprende le tecniche cosiddette blackhat, quelle in cui vengono creati migliaia di link di bassa qualità, e i siti usa e getta, di infima qualità.

E' raro che i webmaster facciano una richiesta di riconsiderazione in questi casi, perchè si tratta in genere di webmaster che, una volta che i loro siti son stati puniti, li buttano e ne creano di nuovi.

Solitamente i siti colpiti sono colpiti interamente, a livello site wide, quindi non solo un gruppo di pagine, ma l'intero sito.

Molte volte si tratta di siti web con freehost (blogspot, wordpress.com ecc), perchè questo consente ai webmaster di ridurre le spese e creare i siti di spam a zero euro.

Capita che la gente acquisti un dominio precedentemente colpito. In questo caso il nuovo webmaster deve impegnarsi a creare un sito di qualità, che offra buon valore.

Per risolvere questa punizione dovresti cercare di pulire il profilo di backlink rimuovendo i link di bassa qualità. Dopo questo puoi fare richiesta di riconsiderazione. In questi casi è possibile risolvere il problema.

NB: è comunque consigliabile utilizzare siti come Archive.org e MajesticSEO.com per controllare la storia del dominio acquistato, assicurandoti che non sia stato precedentemente usato come spam.

Thin Content with Little or No Added Value - Poco Contenuto con Scarso Valore

Vengono colpiti siti che presentano contenuti di scarsa qualità e che non offrono valore al visitatore.

Un esempio di scarso contenuto è questo: immagina di avere un sito web con centinaia di pagine, ciascuna delle quali è molto simile all'altra come contenuti.

Ciò che cambia tra una pagina e l'altra è la semplice modifica di una parola chiave, nel contenuto e/o nell'URL, che ha lo scopo di rankare quella pagina per una determinata ricerca.

Esempio: hai un sito che tratta di studi notarili italiani, e crei centinaia di pagine, ognuna con lo stesso contenuto.

Ogni articolo di queste pagine è quindi moto simile, e differisce solo per l'inserimento di una diversa città nel corpo dell'articolo.

Quindi avrai una pagina che parla degli studi notarili di milano, un'altra degli studi notarili di roma, ecc, per ogni città italiana. Ma queste pagine, ad eccezione della diversa città nominata, saranno uguali tra loro.

Se prendi visione della singola pagina il contenuto può anche sembrare valido, ma già dopo aver visionato 3 o 4 pagine sarà chiaro che il contenuto è di bassa qualità, ed è in buona parte un mero copia-incolla.

Un caso comune di "thin content" è quello relativo ai siti di affiliazione. Fin quando scrivi delle recensioni, esprimi dei pareri, e quindi offri un link affiliato verso il prodotto che consigli, va tutto bene.

Ma se inserisci tanti link affiliati senza esprimere un giudizio, una recensione, un tuo parere, e solo riempiendo di link il tuo sito, magari con brevi recensioni copiate da altri blog, allora sei a rischio.

Anche riempire il blog con articoli copiati da altri siti (spesso di bassa qualità) o presi da "article banks", che offrono articoli gratuiti di bassa qualità, può portare a una punizione per "thin content".

Questo tipo può colpire sia tutto il tuo sito, che solo la parte incriminata.

Per rimediare devi rimuovere il contenuto di scarsa qualità, e inserire del contenuto finalmente valido, originale, qualcosa che renda il tuo sito interessante per i visitatori.

Unnatural Links from Your Site - Link Innaturali dal Tuo Sito

Questo warning ti avvisa che il tuo sito sta linkando verso siti di bassa qualità. Quando sul tuo sito inserisci un link devi esser certo di linkare a qualcosa che offra valore.

Inserire un link sul tuo sito è come dare un voto, dire ai tuoi visitatori "ehi guardate questo sito, visitate questa pagina!".

Se mandi i tuoi lettori verso siti di bassa qualità il motore di ricerca non gradirà i suggerimenti che dai, e colpirà il sito.

Spesso i siti colpiti son quelli che vendono i propri link, attività che va contro le Quality Guidelines.

Se ricevi questo avviso puoi rimuovere questi link (questa è la soluzione preferita di Matt Cutts), oppure rendere i link in questione "no follow", oppure ancora reindirizzarli verso una URL intermedia che è bloccata nel file Robots.txt del tuo sito con il comando disallow.

Unnatural Links to Site - Link Innaturali Verso il Sito

Questo è il più tipico degli avvisi: il il motore di ricerca ha individuato link di bassa qualità diretti verso il tuo sito. Questi possono essere link provenienti da blog networks, blog-comments spammosi, link a pagamento, scambio di link, eccetera.

Quando vede un sito con link spammosi lo colpisce sia tramite il suo algoritmo, che tramite azione manuale. Per approfondimenti riguardo i link a pagamento guarda qui.

Come risolvere: devi eliminare i link di bassa qualità, magari contattando i proprietari dei siti che linkano al tuo e chiedendo la rimozione del link o l'aggiunta dell'attributo "no follow".

Va pulito il profilo di link il più possibile; può essere un'operazione piuttosto lunga e difficile, ma è necessaria.

Una volta che hai eliminato i link nocivi che potevi eliminare puoi utilizzare il Disavow Tool. Questo strumento dice al motore di ricerca che non sei riuscito a elimianare alcuni link, e chiedi direttamente di non considerarli.

Una volta che hai eliminato i link incriminati dovrai fare una Reconsideration Request in cui documenti che hai eliminato tutti i link possibili e assicuri che non ne farai più uso.

Dovrai in sostanza riconquistare la fiducia del motore di ricerca.

Unnatural Links to Site - Impacts Links - Link Innaturali Verso il Sito - Impact link

In questo caso hai un sito con buoni contenuti, valido, con dei buoni link in entrata, ma presenti anche alcuni link di bassa qualità, come ad esempio:

  • eccesso di scambio link;
  • guest posting sospetto;
  • troppi link in sidebar e footer con anchor text esatte.

In questo caso il motore di ricerca non permetterà al sito in questione di posizionarsi bene per queste kw particolari, e punirà le singole pagine incriminate.

Come nel caso precedente la soluzione migliore è eliminare, se possibile, i link e le pagine di bassa qualità presenti nel sito.

Prima di inviare la richiesta di riconsiderazione, come nel caso precedente, utilizza il Disavow Tool per i soli link che non siamo riusciti a eliminare.

Hidden Text and/or Keyword Stuffing - Testo Nascosto e/o Ripetizione Eccessiva di Parole Chiave

Il testo invisibile è quello visibile a un computer ma non all'uomo: se scrivi con un carattere rosso su uno sfondo rosso, questo testo è invisibile all'occhio umano.

Spesso un tempo i webmaster scrivevano paragrafi pieni di parole chiave (keyword stuffing, appunto), nascondendo il testo utilizzando un carattere dello stesso colore dello sfondo.

Questo per posizionarsi sui motori di ricerca per quelle parole, senza mostrare il contenuto (spesso senza senso) ai visitatori.

Rimediare a questa è semplice: basta rimuovere il testo invisibile (o la ripetizione eccessiva di kw) dal tuo sito. Aggiungere nella richiesta di riconsiderazione un'assicurazione che questo problema non si ripeterà ti aiuterà a salvarti.

User-Generated Spam - Spam Generato dall'Utente

Tipicamente questa colpisce il tuo sito quando hai un blog pieno di commenti spammosi che non moderi, oppure se il tuo forum è pieno di contenuto spammoso, di bassa qualità, non moderato.

Generalmente questa colpisce solo la parte del tuo sito affetta da questo problema, e non l'intero sito.

Per rimediare devi pulire la parte del tuo sito colpita, ad esempio rimuovendo tutti i commenti spammosi con cui gli spammer hanno sommerso il tuo sito.

Per prevenire questo problema puoi usare plugin come Akismet, o dei sistemi di captcha. Inoltre è buona cosa aggiungere a questi tipi di link l'attributo "no follow".

Come sempre con la reconsideration request documenta come hai risolto la situazione, e assicura Big G. che tale problema non si ripeterà.

Nella mia consulenza affronto questo aspetto in maniera approfondita e analitica.

In questo blog trovi diversi case study, come ad esempio questo su un sito di affiliazione e questo su Livingo.it,di siti web che son tornati ad avere un buon posizionamento dopo la consulenza che ho fornito loro.

Penalizzazione su Google Maps

Vi sono punizioni specifiche per local Maps.

Vengono colpiti i siti che sovraottimizzano la scheda My Business, esagerando ad esempio con la ripetizione di parole chiave.

Il motore di ricerca punisce anche chi fa uso di recensioni finte, e questo portare l'attività locale a scomparire dal local pack e non ricevere più visite organiche.

E se Fosse Tutt'Altro?

C'è da dire che il calo di traffico potrebbe non essere dovuto a una penalizzazione.

Per esempio il calo potrebbe essere dovuto a:

  • stagionalità: magari sul tuo sito vendi cappotti invernali, e a luglio è legittimo aspettarsi un calo. Tutto normale, no?
  • errori tecnici: potresti aver bloccato la scansione di alcune pagine importanti con una configurazione errata del file Robots.txt
  • migrazione del sito: magari sei passato al protocollo HTTPS, e non hai seguito le corrette procedure per il passaggio.

Cosa Dicono di Me?

Ecco qualcuno dei miei progetti e i risultati ottenuti.

Luca ArmeniseProprietario Autolavaggio Armenise di Bari

Professionista serio ed onesto, preciso nel suo lavoro e determinato a superare gli obbiettivi preposti..svolto un lavoro solido e ben studiato per il sito della mia azienda arrivato a raggiungere nei tempi prefissati le prime posizioni.

Alessandro VaccaDentistabari.org, Odontoiatra

Il mio sito web non riceveva traffico, e non portava alcun nuovo cliente. Ho scelto di affidarmi a Filippo e, grazie a lui e alla sua esperienza come specialista ho ottenuto risultati importanti in pochi mesi, raggiungendo la prima pagina, nuovi contatti e nuovi clienti.

Fulvio TonelliniE-commerce Cover Iphone

Professionale e disponibile, con totale disponibilità nei miei confronti. Punta ad avere risultati il prima possibile, così che l’investimento fatto venga subito ripagato. Gli obbiettivi prefissati sono stati raggiunti entro pochi mesi, con totale soddisfazione.

Alessandra VirgiliWellvitOnline.com, Responsabile Redazione

Tre cose ci hanno colpito di Filippoi: l'onestà, la preparazione e la precisione. Possiamo affermare che Filippo è veramente PREPARATO. Il suo lavoro è certosino e attentamente studiato. Motiva e spiega tutto. Risponde alle email ed è preciso nei report e nei tempi.

Domenico DrovettiMetodoVegalcalino.com, Esperto di Nutrizione

Sono felice di collaborare con Filippo. Filippo è molto preparato e appassionato del suo lavoro che svolge con precisione e serietà. Abbiamo raggiunto i risultati in poco tempo. Lo ringrazio per la disponibilità, pazienza e competenza.

Enrico MeleInAttraction.com, Coach di Seduzione

Ritengo soddisfacente il rapporto lavorativo e umano. Al momento gli obiettivi concordati sono raggiunti o pressoché prossimi. Sei anche scrupoloso e rompicazzo come me nel mio lavoro; sono sinceramente felice di questa nostra collaborazione.

IsmaelSpeaking at home, Corsi di inglese

We are very happy with Filippo's work, he is very professional. Thanks to his work, he have been able to improve our ranking from not appearing in the 8 first pages to the 3rd position in several keywords

Agostini RiccardoAgostiniRiccardo.com, Public Speaking Coach

Grazie Filippo! Per la grande visibilità che mi ha garantito. Fa quanto dice, mi ha fatto risparmiare tempo e frustrazione, e i miei guadagni sono aumentati... di molto! Oltre ad essere un professionista è una brava persona e questo... non ha prezzo!

Giulio BorlaStudioLeVele.net, Psicologo Psicoterapeuta

Filippo si è mostrato da subito disponibile a fornire spiegazioni esaustive e dettagliate circa il suo intervento ed i risultati ottenuti. Questo denota serietà e desiderio di trasparenza; qualità che personalmente reputo essenziali.

Riccardo NavarraSanteNaturels.it, proprietario e-commerce

Filippo, ottima persona piacevole e disponibile, ha portato ottimi risultati e adesso la collaborazione continua ormai da più di un anno e continuerà sempre.
Per noi Filippo è il migliore che abbiamo trovato! Grazie.

Maria MarraSindyBomboniere.it, Proprietaria E-Commerce

Ringrazio sinceramente Filippo Jatta perchè da quando ci siamo affidati a lui il nostro sito è ben indicizzato ed è molto visibile. Di conseguenza le vendite sono aumentate... Un genio

Contattami ora!

Puoi contattarmi compilando il form qui sotto per avere informazioni sui miei servizi, oppure manda un messaggio WhatsApp al n. 348 09 06 338

    Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo l'Informativa Privacy