In questo articolo ti spiego come evitare la penalizzazione di Google.

Google migliora costantemente i suoi algoritmi, al fine di dare maggiore visibilità ai siti più meritevoli.

Allo stesso tempo, cerca di trovare i siti di bassa qualità e toglier loro visibilità in SERP.

Non è facile poi riprendere il ranking perso: la cosa migliore è certamente evitare di subire di essere colpiti, e ora ti mostrerò i metodi per posizionare sui motori di ricerca in maniera sicura e senza rischi.

Evita queste tattiche del lato oscuro e assicurati che non ti punisca.

Le ho divise in tecniche relative alla building e tecniche relative ai contenuti.

Ho creato 4 video gratuiti in cui ti spiego il mio esatto metodo per permetterti di ottenere i miei stessi risultati.

Scaricali gratuitamente cliccando sul pulsante sotto il video, e inizia questo percorso con me. Altrimenti, continua la lettura dell’articolo più in basso.

4 VIDEO+PDF: Scopri il Mio Metodo Semplice, Passo Passo e Pratico, per TUTTI i Siti Web

    Come Evitare Penalizzazioni di Google con un Sito di Qualità

    Evita i Contenuti Duplicati

    Se stai cercando di riempire il tuo con contenuti ma non hai tempo per scriverlo tutto da solo, potresti pensare che una scorciatoia interessante potrebbe essere quella di rubare il contenuto di qualcun altro e semplicemente pubblicarlo sul tuo.

    Non esiste una vera e propria penalizzazione per contenuti duplicati, ma oltre ad essere grossolanamente immorale, potresti ricevere una segnalazione in violazione del Digital Millennium Copyright Act (DMCA) e, in quel caso, riceveresti un avviso su Search Console con successivo danno nelle SERP.

    Non Utilizzare il Cloaking

    Il cloaking è una tecnica che permette di mostrare agli spider dei motori di ricerca (Googlebot) dei contenuti completamente diversi da quelli che vedono invece gli utenti.

    Il cloaking è una delle pratiche più pericolose e che possono portare a pesanti conseguenze. Per evitare punizioni, non praticarlo.

    Mi presento: sono Filippo Jatta, sono consulente dal 2007.

    Mi sono laureato e specializzato nel 2007 in Economia, Organizzazione e Sistemi Informativi presso l’Università Bocconi di Milano.

    Per contattarmi usa il form in fondo alla pagina o scrivimi su whatsApp al numero 348 09 06 338.

    Attento al Keyword Stuffing

    Un tempo per posizionare una pagina la si riempiva di parole chiave, rendendone difficile il contenuto.

    Ora è diventato più bravo e non si fa prendere più in giro da questi trucchi.

    Stai facendo un cattivo uso dei tuoi contenuti se pratichi la “keyword stuffing”. Capirà che stai cercando di manipolare il suo algoritmo del motore di ricerca e di conseguenza potrebbe colpirti.

    A volte si parla di “keyword density”. Si tratta del numero di volte che una parola chiave appare nell’articolo.

    Qual è la densità di parole chiave ottimale per garantire che i tuoi contenuti vengano notati ma non vengano puniti?

    Non esiste una risposta giusta: la keyword density non è un fattore, quindi la scelta migliore è quella di utilizzare la parola chiave in modo naturale in tutto il contenuto invece di riempirlo il più possibile.

    Non Far Uso di Interstizial Ads su Mobile

    Se sei troppo aggressivo con le ads ottimizzato per il mobile, allora potresti incorrere in penalizzazioni di Google.

    Ad esempio, può accadere che qualcuno usa uno smartphone per eseguire una ricerca e trova il tuo al primo posto nella SERP.

    L’utente clicca sul tuo e viene accolto senza tante cerimonie con un pop-up che gli chiede di installare la tua app, rendendo difficile la navigazione mobile.

    Cattive notizie: il tuo potrebbe perdere la prima posizione nelle SERP, con ads così aggressive.

    Offri un Contenuto Above the Fold di Qualità

    Il motore di ricerca non è un fan di quelli che chiama contenuti “top heavy”. Questo è un contenuto che costringe il visitatore a scorrere verso il basso per trovare informazioni.

    Ad esempio, se hai un contenuto che ha numerosi annunci pubblicitari in alto (nella parte above the fold, cioè nella porzione di pagina immediatamente visibile) e l’utente deve scorrere verso il basso per leggere l’articolo, allora hai un contenuto “top heavy”.

    Big G. non ama questo genere di pagine perché vuole che le persone siano in grado di vedere subito il contenuto di cui hanno bisogno.

    Non Proporre Contenuti Automatici di Bassa Qualità e Spinner

    Gli article spinner sono tool che permettono di generare contenuti apparentemente originali in gran quantità, in maniera automatica.

    Attenzione a usare tali strumenti, perchè se usati male portano a ottenere contenuti inutili, thin content, molto simili tra loro, e a rischio di punizioni algoritmiche con Panda, oltre che manuale.

    Non Usare il Testo Nascosto

    Se sei esperto di CSS, allora sai come presentare il testo in qualsiasi colore. Puoi anche far scomparire il testo presentandolo con lo stesso colore dello sfondo.

    Potresti pensare che questo basti per ingannarlo e fargli credere che nel tuo ci sia un particolare tipo di testo, anche se è completamente invisibile ai visitatori umani.

    Lui però considera questa pratica una violazione delle sue politiche e ti punirà.

    Sta Attento ai Contenuti Pirata

    Questo dovrebbe essere ovvio. Se si offrono contenuti pirata, si rischia di essere colpiti.

    Mi riferisco all’offerta di torrent, TV pirata, musica sotto copyright e così via.

    Ha un algoritmo specifico per individuarli, che si chiama “Pirate”.

    Evitare le Penalizzazioni di Google: i Link

    Controlla i Backlink e la Loro Qualità

    Un modo per assicurarti che non venga colpito è quello di controllare regolarmente i backlink per assicurarti che non stai ricevendo un attacco di SEO negativa di spam che sono di bassissima qualità.

    Fortunatamente, è possibile utilizzare tool come Search Console, Majestic e altri per controllare il profilo di collegamenti ipertestuali.

    Se trovi che nel tuo profilo ci sono “spammosi” sta in guardia, e se vuoi uscirne, usa il Disavow Tool per disconoscerli e renderli nofollow agli occhi del motore di ricerca.

    PBN e a Pagamento Sono Contro le Linee Guida

    Non c’è carenza di persone che sono più che disposte a venderti da una rete di blog privati (PBN). Se non sai cosa sono i PBN, si tratta di una serie di blog che sembra fornire contenuti utili, ma in realtà esiste solo per creare collegamenti ipertestuali.

    Cerca questi PBN e, quando li trova, li colpisce pesantemente.

    Se compri backlink, potresti finire per spendere soldi e far punire. Probabilmente non è quello che avevi in mente.

    Non Abusare dello Scambio

    Big G. cerca di individuare gli schemi, perchè li vede come innaturali.

    Non usare schemi come l’eccessivo scambio, perchè metteresti a rischio i risultati.

    La Vendita E’ Vietata

    Big G Vieta, nelle sue linee guida, l’acquisto e la vendita. Per questo motivo, se venderai dal tuo sito web, potrai incorrere in pesanti punizioni. MEglio non far uso di tale pratica.

    Quelli in Sidebar e Footer Devono Avere il Tag Nofollow

    Assicurati che quelli sitewide che ricevi, cioè quelli posti nelle sidebar e nei footer, siano nofollow, perchè è esattamente quello che raccomanda.

    La Bassa Qualità Danneggia

    Le directory, alcuni di comunicati stampa gratuiti, blog comments, portali di scarsa qualità ecc sono fonti da cui ottenere facilmente backlink.

    Tuttavia, questi sono molto spesso inutili, e possono risultare addirittura dannosi. Usali quindi scegliendoli con cura.

    Tende a ignorare i tossici, piuttosto che a contarli negativamente, però è comunque meglio tenersi alla larga, e puntare a ottenere solo link di qualità.

    Contattami ora!

    Puoi contattarmi compilando il form qui sotto per avere informazioni sui miei servizi, oppure manda un messaggio WhatsApp al n. 348 09 06 338

    [contact-form-7 404 "Non trovato"]
    Filippo Jatta

    About Filippo Jatta

    Filippo Jatta è consulente SEO dal 2008. Dottore magistrale in Organizzazione e Sistemi Informativi presso l'Università Luigi Bocconi di Milano.