In questo articolo ti propongo alcuni tra i migliori trucchi SEO che ti porteranno ad migliorare il posizionamento su Google e la visibilità sui motori di ricerca.

Premetto che non esistono trucchi SEO veri e propri che ti permettano di portare un sito magicamente in prima pagina, ma qui trovi regole e accorgimenti importanti che ti aiuteranno sicuramente a raggiungere il tuo obiettivo.

Pronto? Iniziamo!

Ho creato 4 video gratuiti in cui ti spiego il mio esatto metodo per migliorare il posizionamento SEO su Google dei siti web, per permetterti di ottenere i miei stessi risultati.

Scaricali gratuitamente cliccando sul pulsante sotto il video, e inizia questo percorso con me. Altrimenti, continua la lettura dell’articolo più in basso.

4 VIDEO+PDF: Scopri il Mio Metodo di Posizionamento su Google Semplice, Passo Passo e Pratico, per TUTTI i Siti Web

CLICCA QUI E ACCEDI AI VIDEO GRATIS

 

Trucchi di Ottimizzazione SEO (anche per WordPress)

La regola fondamentale che ti permetterà di far salire in classifica il tuo sito è migliorarne la struttura e l'ottimizzazione SEO  degli elementi delle singole pagine.

In questo modo migliorerai l’esperienza dell’utente durante la sua permanenza. Presta attenzione a tutti gli aspetti e ai dettagli che fanno la differenza.

Silo Structure

Il punto di partenza sarà ottimizzare la struttura. Crea un sito che abbia una struttura semplice, intuitiva e ben organizzata, in modo che l’utente possa viaggiare da un contenuto all’altro in maniera agevole.

Non è un vero e proprio trucco SEO, ma è la base dalla quale necessariamente partire per ottenere risultati.

La struttura ideale è la cosiddetta “struttura silo”: i contenuti vengono spartiti in un certo numero di macroaree e categorie, che possono contenere a loro volta delle microaree contenenti informazioni sempre più specifiche.

Sitemap XML

Dopo aver creato una struttura semplice e suddiviso efficientemente i contenuti per categoria, sarà fondamentale l’uso delle sitemap XML.

I motori di ricerca leggono le sitemap per verificare quali contenuti sono disponibili online.

Per Google è bene creare una sitemap in formato XML.

A volte, le sitemap sono anche visibili e cliccabili dai visitatori in formato html e possono aiutare a individuare con più celerità i contenuti di interesse.

Per applicare questo trucco SEO su WordPress basta installare un plugin come Google XML Sitemap o SEO by Yoast.

Ottimizza i Tuoi meta Tag

Tag title,URL e meta description ricoprono un ruolo fondamentale nel posizionamento.

Scriverli a regola d’arte è necessario per comunicare in maniera chiara e sintetica qual è l’argomento della pagina, sia al motore di ricerca che agli utenti.

In altre parole, sono un’opportunità per spiccare nella SERP, far colpo sul potenziale utente e portare visitatori al tuo sito.

Ecco alcuni consigli per migliorare gli Snippet.

Tag Title

Campo utilissimo per inserire in maniera certosina le keyword obiettivo.

Occhio alla lunghezza del titolo!

Un title tag ideale deve contenere fino a circa  60 caratteri.

Un title eccessivamente lungo verrà troncato da Google e risulterà meno efficace oltre che antiestetico.

URL

Tra i trucchi di posizionamento su Google più semplici ed efficaci: la tua URL deve riassumere l’intero contenuto della pagina in pochissime parole.

L’uso di URL SEO friendly aiutano i motori di ricerca a catalogare ancora meglio il contenuto, e anche gli utenti a ricordare gli indirizzi delle varie pagine web.

Per applicare questo trucco di posizionamento su Google su WordPress basta andare sulle impostazioni e spuntare l'opzione per le URL user friendly.

Meta Description

La meta description compare nelle SERP di Google, quindi usa i circa 160 caratteri a disposizione per far colpo sul tuo utente e aumentare il CTR.

Trucchi SEO per Google: Link Building

Passiamo ai trucchi per il posizionamento su Google che riguardano la SEO off page: l’autorevolezza di un sito è un criterio fondamentale con cui il motore di ricerca sceglie di posizionarti in una certa posizione della SERP.

Per essere primi su Google è fondamentale imparare a gestire i link interni ed i link provenienti da siti esterni (backlink).

I link interni sono molto importanti perché rendono il sito più navigabile e ottimizzano il passaggio di link juice.

L’home page di un sito è spesso la pagina che attira più link, ed è quindi la pagina più popolare del sito.

Una buona strategia SEO è ridistribuire l’autorità della tua homepage verso le pagine più importanti, quelle da posizionare.

Ad esempio potresti aggiungere i link dei tuoi prodotti migliori all’interno della tua homepage per mandarvi un po’ di forza.

E non dimenticare la user experience! Affinchè gli utenti possano trovare velocemente i prodotti migliori è importante che i link siano sempre chiari e ben visibili.

Majestic SEO, Ahrefs o Link Explorer

Si tratta di piattaforme contenti un sacco di strumenti accurati che ti permettono di analizzare in maniera approfondita i link ricevuti dal tuo sito e dai siti concorrenti.

Potrai così valutare la difficoltà di posizionamento per una determinata parola chiave e scovare nuove opportunità di link per la link building.

SEO Content e Strategia

Keywords Obiettivo

Avrai sicuramente selezionato la tua nicchia, il profilo utente specifico al quale stai puntando. Ricorda che più sei specifico e settoriale, più opportunità avrai di scalare le vette delle SERP.

Ora devi lavorare sulle parole chiave che ti permettono di raggiungere il tuo target di riferimento.

I principali tre criteri da prendere in considerazione durante la scelta del keywords sono:

  • il volume di traffico:quante persone effettuano ricerche su una determinata parola chiave),;
  • la concorrenza: quanto sono forti i siti web nelle prime posizioni;
  • le intenzioni di ricerca o search intent: i tuoi contenuti devono essere capaci di soddisfare la ricerca dell'utente.

SEO Copywriting

Il SEO copywriting è molto importante ai fini del posizionamento.

È importante che tu inserisca le parole chiave obiettivo nelle relative pagine web.

Questo va fatto in maniera naturale e non forzata, sfruttando al meglio elementi strategici come URLalt tag delle immagini e così via.

Un buon accorgimento è di organizzare in maniera efficace il contenuto del testo usando gli heading tag, cioè i titoli: potrai quindi stabilire una gerarchia tra gli argomenti e rendere il testo più chiaro.

Non prestare troppa attenzione alla frequenza con cui inserisci la keyword all’interno del corpo del testo: non esiste un numero minimo o massimo che Google ti obbliga a rispettare.

Attento però al cosiddetto keyword stuffing (l'eccessiva ripetizione di keyword) per cui Google potrebbe invece penalizzarti.

Dove possibile puoi usare dei sinonimi. Molti motori di ricerca, infatti, indicizzano le pagine anche sulla base dei sinonimi contenuti nel testo.

Dati Strutturati

I dati strutturati non influiscono direttamente sul ranking di una pagina, ma sono estremamente utili, perché servono a comunicare al motore di ricerca tutte le informazioni di cui ha bisogno riguardanti i contenuti.

Tramite i dati strutturati è possibile ottenere maggior visibilità in SERP tramite stellette di recensioni, percorsi breadcrumb, knowledge graph e altro.

Google, Microsoft, Yahoo e Yandex hanno creato un vocabolario (schema.org) che ti sarà molto utile per codificare le informazioni essenziali.

Ma come si fa, in pratica, a implementare i dati strutturati?

Puoi farlo manualmente scrivendo il codice da zero utilizzando le indicazioni di schema.org o il supporto di alcuni SEO tools e utility online.

Oppure puoi utilizzare dei plugin specifici se usi cms come ad esempio WordPress.

Contenuti Multimediali: Ottimizzazione di Immagini e Video

Le immagini e i video sono un’ottima risorsa perché rendono il contenuto più piacevole e contribuiscono a renderlo più attraente per il visitatore, migliorando i dati di permanenza nelle pagine.

ll modo in cui fai ottimizzazione SEO per immagini può essere determinante.

Un file troppo grande può rallentare il tempo di caricamento di una pagina, danneggiando la user experience e aumentandone il bounce rate, cioè la percentuale di utenti che entrano in una pagina e l’abbandonano senza visitarne una seconda.

Buona regola è comprimere tutte le immagini ad alta risoluzione per rendere il sito più veloce e reattivo.

Esistono dei SEO tools, come webpagetest o webresizer, che ti permettono di controllare la grandezza di tutti gli elementi presenti in una pagina, aiutandoti a ridimensionarli in base alle necessità del tuo sito.

Un altro consiglio che ti dò è di utilizzare i supporti testuali per potenziare le immagini: ad esempio puoi rinominare il file in modo che descriva brevemente il contenuto, usare titoli e didascalie che contengano, se pertinenti, anche le keywords, inserire un testo alternativo che racconti l’immagine sia a Google che agli altri motori di ricerca.

Questi accorgimenti ti permetteranno di influire positivamente anche sul posizionamento su Google Images.

Google Trends, Forum e Social

Questo è un trucco per il posizionamento SEO su Google efficace e molto sottovalutato: gioca d’anticipo e sbaraglia la concorrenza.

Google Trends, social e forum di settore sono un ottimo strumento per conoscere le necessità dei tuoi potenziali visitatori.

Scopri quali sono gli argomenti più ricercati e, se pertinenti, cerca di includerli nel tuo pacchetto di contenuti.

Migliori Trucchi Tecnici per il Posizionamento su Google

E' fondamentale che il sito web funzioni bene: deve essere veloce e leggero nel caricamento e non presentare errori tecnici che possano render difficile il lavoro di scansione al bot di Google.

Il web offre diversi strumenti per controllare gli errori presenti nei siti web.

Errori 404

Nella sezione Scansione>Errori di scansione della Search Console, ad esempio, puoi vedere tutte le URL che generano un errore 404.

Gli errori 404 non influiscono negativamente sul rendimento del sito nella ricerca, ma evitarli ti permetterà di rendere il sito più fruibile per i tuoi users. Serve quindi lavorare sui link interni per far in modo che le altre pagine del tuo sito non puntino a contenuti non più esistenti.

Ti consiglio anche Link Checker e Validator, che ti permettono di scovare rispettivamente gli errori di link e gli errori di scrittura codice.

Navigazione Sicura in HTTPS

L'implementazione del protocollo di sicurezza per la navigazione sul web (HTTPS) è un elemento che influenza il ranking della pagina.

Per ottenere un certificato SSL ti basterà acquistarne uno dal tuo provider o attivarne uno gratuito (ad esempio OpenSSL).

In questo modo potrai trasformare il tuo sito da http a HTTPS ed essere riconosciuto da Google come “sito sicuro”.

Redirect 301

Se cambi l'indirizzo URL di un contenuto, effettua un redirect 301 verso il nuovo indirizzo: trasferirai la popolarità della pagina non più esistente verso quella nuova.

Attento però: fallo solo tra pagine effettivamente coerenti e sostanzialmente equivalenti tra loro, altrimenti Google potrebbe ignorare il redirect 301 in fase di passaggio della link juice!

Trucchi SEO con i Tools di Google

Google ci offre una varietà interessante di strumenti che possono rivelarsi molto utili per la SEO.

Te ne propongo alcuni:

Google My Business

E' il miglior strumento per le imprese locali ed è assolutamente gratuito.

Investi un po’ del tuo tempo nella creazione e nel mantenimento di un profilo My Business e otterrai in tempi ragionevoli un posizionamento più alto nella SERP locali e una maggiore visibilità nel posizionamento su Google Maps.

PageSpeed Insight di Google

La user experience è un fattore critico di posizionamento su Google.

Un sito a “misura di utente” (soprattutto per il mobile), aumenterà il tempo di permanenza sulla pagina e quindi il prestigio del tuo sito agli occhi di Google.

Per rendere un sito performante, deve essere veloce, chiaro, ben organizzato e deve offrire contenuti specifici, originali e comunicativi.

Google PageSpeed ​​Insights è uno strumento di performance web creato da Google per aiutarti a identificare facilmente i modi per rendere il tuo sito più veloce.

Come ti accennavo prima, il tempo di caricamento di un sito è un punto importante per il posizionamento, quindi lavora per ottenere buoni risultati in termini di performance.

Il Miglior Trucco di Posizionamento su Google: Sfrutta le Potenzialità!

Tra i migliori trucchi di posizionamento su Google: nella SEO è importante sfruttare le potenzialità che il tuo sito web ha già.

Vado ad analizzare le parole chiave per le quali esso si posiziona già in seconda pagina, e le miglioro e rinforzo, ottimizzandole al livello SEO e ottenendo link di qualità, per portarle in prima pagina su Google.

Portarsi in prima pagina per keywords per le quali si è già in seconda produce risultati rapidi e concreti in tempi abbastanza brevi.

Filippo Jatta

About Filippo Jatta

Filippo Jatta è consulente SEO per liberi professionisti e imprenditori. Dottore magistrale in Organizzazione e Sistemi Informativi presso l'Università Luigi Bocconi di Milano, dal 2008 è SEO specialist. Aumenta traffico e visibilità online di blog, e-commerce e portali, posizionando siti web su Google. Offre servizi di posizionamento sui motori di ricerca e corsi SEO, sia base che avanzati.