L’indicizzazione SEO è l’insieme di tecniche e attività messe in atto per migliorare la scansionabilità da parte dei MDR, e far sì che i contenuti vengano inseriti nei database degli stess.

Benvenuto, in questa guida ti spiego in maniera semplice e pratica come funziona l’indicizzazione su Google e l’indicizzazione SEO in generale.

Se hai un sito web e vuoi che le sue pagine vengano indicizzate e scansionate, segui questa guida e vedrai che otterrai risultati molto rapidi.

Ti ricordo che l’indicizzazione SEO permette a Google di prendere coscienza dei contenuti, invece il posizionamento SEO è quello che ti permette di far apparire in prima pagina.


Ho creato 4 video gratuiti in cui ti spiego il mio esatto metodo, per permetterti di ottenere i miei stessi risultati.

Scaricali gratuitamente cliccando sul pulsante sotto il video, e inizia questo percorso con me. Altrimenti, continua la lettura dell’articolo più in basso.

4 VIDEO+PDF: Scopri il Mio Metodo Semplice, Passo Passo e Pratico, per TUTTI i Siti Web

    Una volta che è online o ha superato una certa età, la maggior parte dei webmaster non si preoccupano più del loro crawl budget.

    Finché continui a collegarti ai nuovi post del blog ad un certo punto, dovrebbe semplicemente apparire nei risultati di Google o di Bing e iniziare a scalare la classifica.

    Solo che, dopo un po’ di tempo, noterai che sta iniziando a perdere il ranking delle parole chiave e nessuno dei vostri nuovi post sta arrivando tra i primi 100 per la parola chiave di destinazione.

    Potrebbe essere semplicemente il risultato della struttura tecnica, del contenuto o di nuove modifiche all’algoritmo, ma potrebbe anche essere causato da un errore di scansione e di indicizzazione.

    Con centinaia di miliardi di pagine web nell’indice, è necessario ottimizzare il budget di scansione per rimanere competitivi.

    Cosa vuol dire in parole povere? Significa che devi far in modo che veda e acceda facilmente alle pagine importanti, e che le scansioni correttamente con il suo crawler Googlebot.

    Di seguito trovi i metodi e trucchi.

    Mi presento: sono Filippo Jatta, sono consulente dal 2007.

    Mi sono laureato e specializzato nel 2007 in Economia, Organizzazione e Sistemi Informativi presso l’Università Bocconi di Milano.

    Per contattarmi usa il form in fondo alla pagina o scrivimi su whatsApp al numero 348 09 06 338.

    Questi sono gli elementi principali da considerare per un corretto processo.

    Verifica l’Indicizzazione SEO con la Google Search Console

    La sezione Coverage della Search Console è una miniera di informazioni utili a riguardo.

    Controlla quali sono le pagine scansionate ma non indicizzate, e verificane il motivo-

    Controlla lo stato delle tue ricerche ogni 30, è un’abitudine importante per identificare potenziali errori che hanno un impatto sulle prestazioni.

    Attento alla sezione grigia, che mostra appunto le pagine non indicizzate. La sezione rossa, invece, mostra i contenuti che hanno errori (come le pagine 404 non trovate o gli errori del server).

    La sezione verde, infine, mostra le pagine che rispondono correttamente e sono indicizzate.

    Indicizzazione su Google: gli Errori Più Comuni

    Gli errori di scansione base più comuni:

    • Errori DNS
    • Errori del server
    • errori 404

    Per diagnosticare alcuni di questi errori, è possibile utilizzare lo strumento nella sezione URL della Search Console: in tal modo vedrai perchè una determinata URL presenta problemi e anche il modo in cui la scansiona.

    La risoluzione di un errore del server richiede la comprensione della causa che l’ha generato. Le cause più comuni includono:

    • Timeout
    • Connessione rifiutata
    • Connessione non riuscita
    • Timeout di connessione
    • Nessuna risposta

    La maggior parte delle volte, un errore del server è temporaneo, anche se un problema persistente potrebbe richiedere di contattare direttamente il fornitore di hosting.

    Risolvere questi errori rapidamente farà sì che tutte le pagine di destinazione vengano scansionate e indicizzate la prossima volta che eseguono la scansione.

    Crea Pagine Web Mobile Friendly

    Con l’arrivo dell’indice mobile-first, devi anche ottimizzare le pagine per il mobile, e assicurarti che siano equivalenti a quelle desktop.

    Talvolta i contenuti di alcune pagine non si indicizzano perchè tali contenuti (spesso testuali) sono presenti solo nella versione desktop, e non in quella mobile.

    Assicurati che la struttura e i suoi contenuti siano equivalenti nelle due versioni.

    Indicizzazione su Google SEO: Migliora la Velocità per Agevolare la Scansione

    Ci sono molte modifiche tecniche che possono velocizzare e quindi agevolarne la scansione, tra cui:

    • Implementare di un web design reattivo;
    • Minimizzare delle risorse sulla pagina (CSS e JS);
    • Etichettare le pagine con la cache AMP;
    • Comprimere le immagini;

    Assicurati di testare su una piattaforma mobile e di eseguirlo attraverso Pagespeed Insights.

    La velocità della pagina è un fattore di ranking e può influenzare la velocità con cui possono eseguire la scansione.

    Ricorda l’Importanza della Sitemap XML

    Uno dei migliori consigli rimane la presentazione di una sitemap XML a Search Console e Bing Webmaster Tools.

    È possibile creare una versione XML utilizzando un generatore di sitemap XML o crearne manualmente una in Search Console etichettando la versione canonica di ogni pagina che contiene contenuti duplicati.

    Tale risorsa deve contenere tutte le URL che vuoi che vengano scansionate dagli spider e inserite poi nel database.

    La sitemap XML aiuta il motore di ricerca ad individuare le pagine orfane e non ben integrate nella struttura di link interni.

    Indicizzazione su Google: Sfrutta i Link Interni

    Con una struttura ben studiata, un’alberatura ordinata e chiara, Google non farà fatica a trovare i contenuti.

    Stabilire un’architettura informativa coerente è fondamentale per garantire che non solo sia correttamente indicizzato, ma anche adeguatamente organizzato.

    La creazione delle principali categorie di servizi in cui le pagine web correlate possono trovarsi, può aiutare ulteriormente ad individuare e registrare correttamente il contenuto delle pagine web.

    Fa un’Accurata Ottimizzazione delle Pagine Orfane

    Se una pagina web non viene linkata da nessunìaltra pagina del dominio stesso, nè da alcuna risorsa esterna, non verrà indicizzata, perchè Google non avrà la possibilità di trovarla.

    Fa in modo che le pagine che vuoi far segnalare contengano almeno un interno da un’altra pagina.

    Utilizza con Cura il Tag Noindex

    Nel corso dello sviluppo, può capitare che tu inserisca per sbaglio il tag noindex in alcune pagine.

    Semplicemente, se ti accorgi dell’errore, togli il noindex dalle pagine che vuoi far scansionare e registrare.

    Metti in Disallow Contenuto Duplicato e Pagine Parametrizzate

    Avere quantità massicce di contenuti duplicati e pagine parametrizzate, cioè figlie di filtri e ricerche interne, può rallentare significativamente l’indicizzazione e consumare il crawl budget.

    È possibile eliminare questi problemi tramite il tag canonical, per indicare qual è la versione canonica per ciascuna pagina, oppure il disallow per bloccarne direttamente la scansione.

    Usa il Robots.txt per Vietare la Scansione

    Ci possono essere casi in cui si desidera impedire di eseguire la scansione di una pagina specifica.

    È possibile eseguire questa operazione con la direttiva disallow nel file robots.txt.

    Usa con cura questa direttiva, e non usarla su pagine già inserite nel database (sulle quali è più opportuno usare il noindex).

    Indicizzazione su Google per la SEO: Valuta i Prezzi

    I prezzi per l’indicizzazione sui motori di ricerca variano in base al problema che viene riscontrato.

    Il mio prezzo è di 97€ per l’individuazione dei problemi, mentre il prezzo della loro risoluzione può variare in base alle problematiche riscontrate.

    Conclusioni

    Se stai già seguendo queste pratiche, non hai nulla di cui preoccuparti con il tuo stato di scansione.

    Ricorda di controllare lo stato di indicizzazione a intervalli regolari con la sezione Coverage della Search Console.

    Contattami ora!

    Puoi contattarmi compilando il form qui sotto per avere informazioni sui miei servizi, oppure manda un messaggio WhatsApp al n. 348 09 06 338

    [contact-form-7 404 "Non trovato"]
    Filippo Jatta

    About Filippo Jatta

    Filippo Jatta è consulente SEO dal 2008. Dottore magistrale in Organizzazione e Sistemi Informativi presso l'Università Luigi Bocconi di Milano.