In questa guida ti mostro tecniche SEO facili da implementare e che portano risultati. Si tratta di suggerimenti semplici e veloci da sfruttare, e con le sole conoscenze base potrai anche far tutto da solo.

Il lavoro per ottenere maggiore visibilità in SERP (cioè nella pagina che il motore di ricerca ci mostra quando inseriamo una determinata parola chiave) si distingue in tecniche da effettuare nel sito (on page) e al di fuori di esso (off page).

Ecco in cosa consistono:

  • ottimizzazioni on page: insieme di metodi di ottimizzazione che vengono messi in pratica all’interno del sito, a livello di struttura (on site) e di singoli contenuti. Questi lavori vanno fatti per primi;
  • tecniche off-page, per indicare quelle tecniche e strategie volte al posizionamento per mezzo di ottenimento di link (building e earning). Google considera più autorevoli i siti che ricevono collegamenti ipertestuali, citazioni e menzioni da altri portali di qualità. Non è sufficiente ottenerne tanti, ma è importantissimo che essi provengano da siti autorevoli e pertinenti.

Le singole tecniche inserite nelle due macro-categorie che abbiamo appena menzionato sono tante, e meritano tutte una certa attenzione perché, se il lavoro è fatto in maniera strategica e funzionale, i risultati che otterremo saranno molto soddisfacenti.

Tecniche di Ottimizzazione SEO On Page per Google

Queste sono le tecniche più importanti per migliorarne il traffico organico e il posizionamento.

Studia i Competitor

Attraverso lo studio dei competitor possiamo ottenere molte idee interessanti anche per i nostri progetti.

Quest’analisi è molto importante, una fase primaria che ci può essere di grande aiuto per capire come impostare i contenuti, cosa inserire all’interno delle pagine, quali sono le keyword migliori per progetti simili al tuo, e molto altro ancora.

Sfrutta il Box “Le Persone Hanno Chiesto Anche”

Si tratta di uno snippet molto importante, che ti consente di ottenere molte informazioni sulle domande che le persone fanno in merito allo stesso argomento.

Questo box compare molto spesso nella SERP quando si effettua una ricerca su determinate keyword o su alcuni argomenti specifici, e serve a fornire informazioni e suggerimenti molto preziosi.

Scegli Strategicamente le Keyword da Utilizzare

Un uso intelligente ed accurato delle keyword che userai per le tue pagine è alla base di ogni strategia SEO.

Oltre all’analisi dei competitor, potrai individuare le parole giuste da inserire anche usando altri metodi, ad esempio sfruttando Google Search Console.

Cliccando su “Rendimento” nel menu in alto a sinistra puoi scegliere una pagina da analizzare, e cliccare su “Query”: in questo modo otterrai ottime informazioni sulle parole chiave per cui quella data pagina che hai scelto di analizzare è posizionata.

A tal proposito, è bene ricordare alcuni aspetti:

  • La keyword principale e le sue correlate (le secondarie e long tail) devono essere inserite in modo naturale, senza forzature. Forzare e scrivere in maniera innaturale può portare a una sovra-ottimizzazione con conseguente penalizzazione. Quindi, la parola chiave deve essere inserita in maniera strategica, onde evitarne l’abuso, detto anche keyword stuffing;
  • Per evitare l’abuso può essere utile inserire dei sinonimi all’interno del testo: in questo modo, si è coerenti con l’argomento trattato ma si evita di esagerare con inutili ripetizioni;
  • Anche le long tail keywords, dette “a coda lunga”, appunto, sono molto utili: esse sono formate da più termini, e permettono di rivolgersi ad un pubblico “di nicchia” che, seppur più ristretto in termini di quantità e quindi di volume di ricerca, potrebbe essere più interessante ai fini delle conversioni.

Struttura il Menu di Navigazione

Il menu di navigazione è l’elemento strutturale più importante: ti consiglio di farne buon uso e quindi di linkare alle pagine strategicamente più importanti donando loro juice e page rank.

Ho creato 4 video gratuiti in cui ti spiego il mio esatto metodo, per permetterti di ottenere i miei stessi risultati.

Scaricali gratuitamente cliccando sul pulsante sotto il video, e inizia questo percorso con me. Altrimenti, continua la lettura dell’articolo più in basso.

4 VIDEO+PDF: Scopri il Mio Metodo Semplice, Passo Passo e Pratico, per TUTTI i Siti Web

    Cura il Title

    A volte vengo contattato da persone che mi chiedono di posizionare i loro progetti, e talvolta noto che non sono ottimizzati neanche i meta title delle loro pagine.

    Questo mi basta per capire che in quel caso non è stato fatto alcun lavoro e che se da un lato questo ha bloccato la scalata nella SERP, dall’altro lato, lavorandoci sopra, sono tanti i miglioramenti che si possono ottenere.

    E’ fondamentale che le tue pagine siano ottimizzate per le keyword corrette, e questo si fa partendo proprio dal tag del titolo, fattore importantissimo per i motori di ricerca che informa in merito all’argomento trattato; assicurati, quindi, che in esso sia presente la keyword principale.

    Scegli Bene H1 e H2

    Si tratta dei cosiddetti tag heading, che contribuiscono a fornire informazioni precise e più dettagliate circa il contenuto della pagina sia agli utenti che al motore di ricerca.

    L’H1 è il titolo più importante, ed è visibile ai visitatori. E’ bene curare anche i sottotitoli (H2).

    Ricorda l’Importanza della Meta Description

    Le meta descrizioni non sono un fattore ma appaiono in SERP sotto i meta title e quindi sono fondamentali per migliorare il CTR e ottenere più visite.

    Pertanto, è consigliabile sfruttare quello spazio a disposizione per riassumere brevemente ciò che il lettore potrà trovare all’interno della pagina: una sorta di riassunto persuasivo, insomma, che potrà rivelarsi molto utile.

    Applica i Principi della Scrittura

    Quando ottimizzi una pagina web, fa una ricerca approfondita di tutte le parole chiave equivalenti, e che soddisfano lo stesso search intent (ossia lo stesso intento di ricerca).

    In tal modo, una singola pagina soddisferà un intero argomento, e riceverà molte più visite..

    Utilizza Link Interni e Breadcrumbs

    I link interni sono fondamentali, in quanto trasportano juice da un contenuto all’altro: nonostante siano sottovalutati, in realtà sono molto rilevanti.

    Il motivo è molto semplice: questi collegamenti interni rappresentano non sono solo utili per l’utente, che cliccandovi può esplorare altri contenuti che potrebbero essere di suo interesse ma anche per Google: grazie ad essi, infatti, il motore di ricerca riesce ad eseguire una veloce esplorazione del sito, comprendendo il modo in cui le pagine sono organizzate e quali sono quelle che tu consideri più importanti.

    È bene curare, a questo proposito, anche le anchor text, che altro non sono che le parole a cui viene ancorato il collegamento, cercando di mantenere il più possibile una certa naturalezza nel testo.

    Bisogna prestare attenzione ad alcuni aspetti, ed in particolare:

    • Non bisogna rischiare il sovraccarico: devono essere davvero utili e rilevanti, perché non conta solo la quantità ma soprattutto la qualità;
    • La presenza di un numero eccessivo può essere problematica perché non aiuta il visitator;
    • Non è bene usare sempre la stessa anchor text. Assicurati di utilizzarne di specifiche, per far capire gli argomenti delle pagine linkate.

    Aggiungere breadcrumbs può essere molto vantaggioso, dato che tale elemento crea l’alberatura corretta, sopratutto negli e-commerce.

    Con questo elemento, infatti, porterai forza sia alle pagine di livello gerarchico inferiore, che a quelle superiori.

    Mi presento: sono Filippo Jatta, sono consulente dal 2007.

    Mi sono laureato e specializzato nel 2007 in Economia, Organizzazione e Sistemi Informativi presso l’Università Bocconi di Milano.

    Per contattarmi usa il form in fondo alla pagina o scrivimi su whatsApp al numero 348 09 06 338.

    Sfrutta i Contenuti di Supporto

    Cosa significa? Per capire l’importanza di questo consiglio, devi prima di tutto sapere che Google vuole mettere in prima posizione sempre il miglior risultato per una data query: pertanto, il tuo obiettivo dovrà essere sempre quello di effettuare un’ottimizzazione non tanto (o meglio, non solo) per singole keyword, ma principalmente per argomenti.

    Questo serve per dimostrare la tua competenza in materia e, quindi, per essere considerato dai motori di ricerca un vero esperto del settore: inserendo pagine di approfondimento su un dato settore che rispondono ad una domanda specifica e rimandano alla pagina principale, potrai migliorare i risultati in SERP sia per long tail che per keyword principali con alto volume di ricerca.

    Monitora i Risultati con i Tool di Google

    Quando pensi di essere arrivato in cima e di aver finito il tuo lavoro, sappi che in realtà le cose non stanno effettivamente così: esattamente come avviene per una casa appena costruita o ristrutturata, se vuoi che essa non decada e che il suo valore non si perda devi averne costantemente cura, e lo stesso accade per una pagina web.

    Il monitoraggio è estremamente importante, per due motivi: il primo è che, tenendo traccia dei risultati e dell’andamento, potrai eventualmente intervenire in caso di problemi o di errori; il secondo è che, rimanendo sempre aggiornato, potrai apportare i corretti miglioramenti.

    Sfrutta quindi bene i tool, in particolare Analytics e Search Console: essi ti permettono di controllare l’andamento del traffico, i risultati in termini di conversione, e anche le problematiche che è necessario risolvere.

    Ottimizza le Immagini

    Le immagini occupano la maggior parte dello spazio fisico sul server (a meno che tu non ospiti anche video sul tuo server).

    Ciò significa che esse hanno una grande incidenza sulla velocità e sui suoi tempi di caricamento, pertanto, questo è un aspetto al quale devi prestare grande attenzione: se un utente naviga all’interno delle tue pagine, sicuramente vorrà avere a che fare con un sito estremamente fruibile e veloce, vorrà leggere velocemente i contenuti, e in caso di lentezza sarà molto portato ad abbandonare.

    I tempi di caricamento lenti influiscono notevolmente sulle conversioni e le immagini richiedono davvero più tempo per essere caricate, quindi è utile curare le immagini, sia per renderle più leggere che per posizionarle con la SEO.

    Utilizza plugin per la compressione delle immagini: per ottenere questo risultato puoi usare dei plugin come Smush for WordPress o TinyPNG, o Imagify.

    Ricorda di scegliere con cura la risoluzione, facendo in modo che il server non debba caricare immagini inutilmente grandi.

    E’ utile anche sfruttare il lazy load per far caricare le immagini man mano che il navigatore scorre nella pagina web.

    L’ottimizzazione non passa solo attraverso la leggerezza dell’immagine, ma è importante anche controllare la compilazione corretta del campo alt tag, per migliorarne la comprensione per Google e la visibilità online.

    Tecniche Off Page

    Passiamo ora a quelle che sono le tecniche off page, che puntano ad aumentare l’autorevolezza del progetto e di migliorare la visibilità online.

    Ottieni Link da Altri Siti di Qualità

    Lo sviluppo di relazioni con siti autorevoli ed appartenenti al tuo stesso settore può portare notevoli risultati sia in termini di visibilità che di autorevolezza e di credibilità; tuttavia, specialmente all’inizio potrebbe trattarsi di un metodo non particolarmente semplice, perché se non sei a tua volta autorevole e conosciuto nel settore, potrebbe essere difficile farsi promuovere da siti più autorevoli del tuo.

    I consigli per ottenere backlink possono essere i seguenti:

    • Cura i tuoi contenuti sia per la Search Engine Optimization, sia per quel che riguarda la scorrevolezza e la completezza di informazioni. Come già detto, leggendo un testo si deve avere l’impressione di avere a che fare con un esperto; non ci devono essere frasi copiate o contenuti duplicati nemmeno in parte, ed il testo deve essere ricco, completo ed esaustivo, ma anche non pesante e non ridondante;
    • Contatta i web master di siti autorevoli nel tuo settore chiedendo di linkare ad una pagina del tuo sito;
    • Non esagerare con le richieste e soprattutto non cedere alla tentazione di avere tutto e subito. Il tutto deve avvenire in modo naturale e senza “spintarelle”.

    Fa Buon Uso dei Social Media

    Anche se i social non influenzano direttamente i risultati organici, avere i social media dalla tua parte può essere una strategia veramente rilevante.

    Condividi i contenuti nuovi ed aggiornati del tuo blog attraverso le varie piattaforme: questo ti consente di aumentare in modo esponenziale i tuoi visitatori.

    Tecniche SEO White Hat

    E’ importante che lavori bene sui contenuti, arricchendoli e soddisfacendo appieno i visitatori e il loro search intent.

    Ecco alcuni suggerimenti che puoi usare per ottenere risultati rapidi.

    Genera Contenuti di Alta Qualità

    Non è un segreto: a parità di altre condizioni, più contenuti (di qualità) pubblichi, più traffico organico otterrai dai motori di ricerca.

    È necessario pubblicare quindi contenuti di valore, approfonditi e che soddisfino il percorso di ricerca dell’utente.

    Ma non solo. Infatti, devi sapere che per ottenere il meglio dalle pratiche di ottimizzazione, devi prestare attenzione a questi aspetti:

    • Unicità del contenuto, che deve essere non solo unico (ossia non copiato da altre parti) ma anche originale;
    • Utilità effettiva del testo, che deve essere in grado di fornire delle informazioni dettagliate e precise e quindi essere veramente utile per il lettore. Quando un utente visita una nostra pagina con in mente una determinata domanda, si aspetta di ricevere una risposta ben precisa;
    • Freschezza: ciò che scrivi deve essere nuovo, fruibile, aggiornato. Anche se non stai scrivendo una notizia, devi essere certo che ciò di cui stai parlando sia veramente in quel modo, e che appunto il contenuto sia fresco ed aggiornato.

    Aggiorna i Vecchi Contenuti

    Molto spesso si pensa che i metodi di ottimizzazione debbano essere solo rivolti alle nuove pagine.

    In realtà, quando si decide di posizionarsi, sarebbe molto utile pensare anche a ciò che esiste già sul nostro sito da prima che decidessimo di ottimizzarlo. Vanno curati tutti i contenuti, e non solo i nuovi testi che andremo a scrivere e pubblicare, ma anche quelli già esistenti.

    Sfrutta il Potenziale delle Pagine Già Pubblicate

    Se hai già contenuti che ottengono traffico in quantità, ecco un’ottima strategia per migliorare rapidamente il tuo traffico organico.

    Tramite tool a pagamento, o anche semplicemente con la Search Console, controlla quali sono le parole chiave grazie alle quali quei contenuti ottengono visite ma con carente ottimizzazione.

    A quel punto migliorali, per ottenere un rapido incremento di traffico organico.

    Tecniche SEO Avanzate

    Vediamo infine alcune tecniche un po’ più avanzate, che puoi sfruttare se conosci una piccola base di programmazione.

    In caso contrario, per queste potrai farti dare una mano da un tecnico.

    Velocizza e Sfrutta i Plugin

    Velocizzare è fondamentale per non far andare via i visitatori.

    Ogni secondo in più necessario per il caricamento porta ad abbandoni e potenziali clienti che probabilmente non torneranno più.

    Anche se le immagini hanno il maggior impatto, ci sono altri elementi che possono influenzare la velocità di caricamento.

    Il consiglio che posso darti è quello di controllare sicuramente il peso e la dimensione delle immagini, ma anche di fare un controllo di altri elementi del sito che possono appesantirlo e quindi renderlo meno fruibile per l’utente; quindi, ad esempio, riduci al minimo l’uso dei plugin, attiva la cache, comprimi i codici.

    Sfrutta tool gratuiti come PageSpeed Insight e le Core Web Vitals per monitorare i valori di velocità e il lavoro che serve fare.

    Plugin WordPress per la cache e la minificazione dei file come W3 Total Cache possono essere utili. Attenzione però a possibili problemi e conflitti tra CSS e JS che potrebbero rovinare il design e le funzionalità.

    Implementa il Certificato SSL

    L’SSL è diventato un fattore rilevante. L’installazione di un SSL dovrebbe essere abbastanza facile. Nella maggior parte dei casi, il tuo fornitore di hosting può aiutarti.

    Ricorda la Navigazione da Mobile

    Quando pensi ad un contenuto devi sempre pensare anche all’usabilità dell’utente: il sito deve essere web responsive non solo lato desktop (e cioè per l’utente che vi naviga dal suo PC) ma anche lato mobile, ossia per quell’utente che naviga su smartphone o tablet.

    Crea una Sitemap XML

    La creazione, la presentazione e l’inserimento della mappa del sito è un altro elemento fondamentale.

    Attraverso questa mappa stai fornendo delle informazioni precise sull’organizzazione e sulla struttura del sito. Dovrai quindi fornirne una versione XML per i motori di ricerca.

    Contattami ora!

    Puoi contattarmi compilando il form qui sotto per avere informazioni sui miei servizi, oppure manda un messaggio WhatsApp al n. 348 09 06 338

    [contact-form-7 404 "Non trovato"]
    Filippo Jatta

    About Filippo Jatta

    Filippo Jatta è consulente SEO dal 2008. Dottore magistrale in Organizzazione e Sistemi Informativi presso l'Università Luigi Bocconi di Milano.